La mia azienda avrà uno stand in una fiera, quale tipo di rapporto posso stipulare nel caso di utilizzo di hostess?

La mia azienda avrà uno stand in una fiera, quale tipo di rapporto posso stipulare nel caso di utilizzo di hostess?
image_pdfimage_print

Nel caso di utilizzo di hostess per l’accoglienza di clienti, il volantinaggio e/o la mera ospitalità, senza alcuna specifica professionalità, ritengo che i contratti di riferimento debbano essere esclusivamente di natura subordinata. Questi i possibili contratti da stipulare:

  • Contratto a tempo determinato;
  • Contratto intermittente;
  • Somministrazione a termine, attraverso una Agenzia per il Lavoro iscritta nell’apposito albo tenuto presso il Ministero del Lavoro;
  • Nuove Prestazioni Occasionali (qualora l’azienda rispetti i requisiti previsti dalla legge). Qualora, viceversa, la necessità dell’azienda sia quella di avere un soggetto autonomo, che possieda caratteristiche particolari, diverse rispetto ai propri dipendenti, ritengo che si possa utilizzare il Lavoro autonomo occasionale (art. 2222 c.c.).

Parlo di persone che dovranno effettuare, in piena autonomia gestionale e con caratteristiche professionali elevate, una attività diversa rispetto a quella propria dell’azienda (es. conoscenza lingue estere per accoglienza clienti stranieri, cuochi per dimostrazione prodotti alimentari, ecc.).

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 458 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

È legittima la visita pre-assuntiva? Posso oppormi alle risultanze?

Sì. Essa è prevista dall’articolo 41 (Sorveglianza sanitaria), comma 2-bis, del Decreto Legislativo 81/2008 (TU sulla Salute e Sicurezza). Anche per quanto riguarda il secondo quesito, la risposta è positiva;

Dopo la pubblicazione della circolare 28/2016 possiamo procedere alla detassazione dei premi di risultato? Possiamo convertire il pdr in welfare aziendale anche se non previsto nel contratto aziendale?

È possibile detassare i premi di risultato o gli utili corrisposti ai lavoratori, nel limite dei 2.000 euro lordi e sempreché non abbiano superato, nel 2015, il reddito di 50.000

Il contratto collettivo può rivedere il numero massimo di apprendisti che una azienda può assumere?

No. La norma (art. 42, comma 7, del D.L.vo 81/2015) non delega alla contrattazione collettiva la disciplina sul numero massimo di apprendisti presenti, contemporaneamente, all’interno dell’azienda. Questo limite è una

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento