Ministero del Lavoro: nuovo Modulo TFR2 per la scelta di destinazione del TFR

ministero-del-lavoroIl Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 91 del 19 aprile 2018, il Decreto 22 marzo 2018, con l’aggiornamento del Modulo TFR2, utilizzato per la manifestazione della scelta di destinazione del trattamento di fine rapporto, da parte dei lavoratori assunti dopo il 31 dicembre 2006.

Queste le modifiche, effettuate dal Ministero del Lavoro, nella sezione 1:

– il primo punto elenco viene sostituito con la formulazione seguente: «che il proprio trattamento di fine rapporto non venga destinato ad una forma pensionistica complementare e continui dunque ad essere regolato secondo le previsioni dell’art. 2120 del codice civile»;

– il secondo punto elenco viene sostituito con la seguente formulazione: «che il proprio trattamento di fine rapporto venga conferito integralmente o nella seguente misura in conformità alle previsioni delle fonti istitutive: … , a decorrere dalla data della presente, alla seguente forma pensionistica complementare …………………………… alla quale il sottoscritto ha aderito in data …./…./….., fermo restando che la quota residua di TFR continuerà ad essere regolata secondo le previsioni dell’art. 2120 del codice civile. Allega copia del modulo di adesione».

Fonte: Ministero del Lavoro

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 315 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

In via di emanazione altri 6 decreti sul Jobs act [Governo]

Il Consiglio dei Ministri ha esaminato, nella seduta n. 67 del 11 giugno 2015: N. 2 DECRETI LEGISLATIVI (in via definitiva) in attuazione della legge n. 183 del 2014, recanti:

Min.Lavoro: nessuna variazione per l'assegno di incollocabilità

Lo scorso 8 agosto il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato, sul sito istituzionale nella sezione Pubblicità legale, il Decreto 8 luglio 2016 concernente la rivalutazione dell’

Principali modifiche al ddl stabilità 2015 introdotte in commissione e sottoposte al voto della Camera [infografica]

Dalle pensioni agli e-book, dai pasti per i poveri al finanziamento ai partiti: sono numerose le novità alla Legge di stabilità da oggi all’esame dell’Aula di Montecitorio e sul quale

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento