fbpx

Ministero del Lavoro: nuovo Modulo TFR2 per la scelta di destinazione del TFR

ministero-del-lavoroIl Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 91 del 19 aprile 2018, il Decreto 22 marzo 2018, con l’aggiornamento del Modulo TFR2, utilizzato per la manifestazione della scelta di destinazione del trattamento di fine rapporto, da parte dei lavoratori assunti dopo il 31 dicembre 2006.

Queste le modifiche, effettuate dal Ministero del Lavoro, nella sezione 1:

– il primo punto elenco viene sostituito con la formulazione seguente: «che il proprio trattamento di fine rapporto non venga destinato ad una forma pensionistica complementare e continui dunque ad essere regolato secondo le previsioni dell’art. 2120 del codice civile»;

– il secondo punto elenco viene sostituito con la seguente formulazione: «che il proprio trattamento di fine rapporto venga conferito integralmente o nella seguente misura in conformità alle previsioni delle fonti istitutive: … , a decorrere dalla data della presente, alla seguente forma pensionistica complementare …………………………… alla quale il sottoscritto ha aderito in data …./…./….., fermo restando che la quota residua di TFR continuerà ad essere regolata secondo le previsioni dell’art. 2120 del codice civile. Allega copia del modulo di adesione».

Fonte: Ministero del Lavoro

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 365 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Novità in materia di lavoro previste dal disegno di legge di Stabilità (E. Massi)

In base al disegno di legge di Stabilità 2015, posto all’esame del Parlamento, siamo ad evidenziare alcune delle novità in materia di lavoro di prossima attuazione.

INPS: requisito delle 13 settimane di contribuzione per l’accesso alla NASpI – chiarimenti

L’INPS ha emanato il messaggio n. 710 del 15 febbraio 2018, con il quale fornisce alcuni chiarimenti in ordine alla utilità, ai fini della ricerca del requisito delle 13 settimane di

Chiarimenti per impianti di videosorveglianza in ambito domestico [Ispettorato del lavoro]

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con nota prot. n. 23317 dell’8 febbraio 2017, ha fornito un parere in merito alla possibilità di autorizzare l’installazione di un impianto di videosorveglianza collocato in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.