È possibile frazionare il godimento di ore malattia del bambino con quelle di allattamento nei contratti full time?

È possibile frazionare il godimento di ore malattia del bambino con quelle di allattamento nei contratti full time?
image_pdfimage_print

I “Congedi per la malattia del figlio” vanno intesi come giorni di astensione dal lavoro per i “periodi corrispondenti alle malattie di ciascun figlio” (articolo 47 del D.L.vo 151/2001). Non è disciplinato l’utilizzo ad ore di tale congedi, anche perché la malattia è di per se continuativa durante il periodo e come tale sarà il relativo certificato medico che sarà predisposto telematicamente dal pediatra, ai sensi del comma 3, del medesimo articolo 47.

In considerazione di questa specifica, ritengo che non sia possibile cumulare le c.d. ore di allattamento (previste dall’art. 39 del D.L.vo 151/2001), con il congedo per malattia figlio, per il quale la lavoratrice ha la possibilità, nei limiti di quanto prevede l’articolo 47, di astenersi dal lavoro per l’intera giornata.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 489 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

L’obbligo di compenso è previsto per tutti i tipi di tirocini?

No, l’indennità di partecipazione è obbligatoria esclusivamente per i c.d. tirocini extra-curriculari, cioè quelli previsti al di fuori di un piano di studi. Quelli, per intenderci, che vanno comunicati al

Un lavoratore che percepisce un’indennità di sostegno del reddito può prestare la propria attività attraverso il lavoro accessorio ?

L’art. 8 della legge n. 15/2014 ha prorogato al 31 dicembre 2014 la possibilità per i titolari di prestazioni di sostegno al reddito, di effettuare prestazioni di lavoro accessorio nel

Ho firmato un patto di non concorrenza della durata di 3 anni e valido in tutta Europa, a fronte di un euro in più in busta paga. È giusto?

Il mio datore di lavoro mi ha fatto firmare un patto di non concorrenza che durerà 3 anni e che prevede il divieto di lavorare in tutte le aziende del

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento