È possibile frazionare il godimento di ore malattia del bambino con quelle di allattamento nei contratti full time?

È possibile frazionare il godimento di ore malattia del bambino con quelle di allattamento nei contratti full time?
image_pdfimage_print

I “Congedi per la malattia del figlio” vanno intesi come giorni di astensione dal lavoro per i “periodi corrispondenti alle malattie di ciascun figlio” (articolo 47 del D.L.vo 151/2001). Non è disciplinato l’utilizzo ad ore di tale congedi, anche perché la malattia è di per se continuativa durante il periodo e come tale sarà il relativo certificato medico che sarà predisposto telematicamente dal pediatra, ai sensi del comma 3, del medesimo articolo 47.

In considerazione di questa specifica, ritengo che non sia possibile cumulare le c.d. ore di allattamento (previste dall’art. 39 del D.L.vo 151/2001), con il congedo per malattia figlio, per il quale la lavoratrice ha la possibilità, nei limiti di quanto prevede l’articolo 47, di astenersi dal lavoro per l’intera giornata.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 460 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Entro quando va stilato il piano formativo per gli apprendisti ?

All’atto della stipula del contratto, in quanto la possibilità introdotta dal D.L.vo 167/2011 sull’Apprendistato, di sottoscrivere il piano formativo entro i 30 giorni successivi è stato abolito dalla Legge n. 78/2014

Entro quando va richiesto il rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro?

Il rinnovo del permesso di soggiorno deve essere richiesto alla questura competente almeno 60 giorni prima della scadenza (articolo 5, comma 4, del TU sull’immigrazione – Dl.vo 286/1998). La giurisprudenza

Devo trasferire temporaneamente (per 4 mesi) 10 lavoratori in un locale affittato, in quanto un reparto della mia azienda dovrà essere ristrutturato. Che comunicazione devo fare all’ inail?

Dalle sue parole, mi pare di capire che non si tratta dell’apertura di una unità produttiva e quindi ritengo che non debba essere aperta una nuova PAT. Detto questo, ritengo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento