Fine dell’ appalto e licenziamento del lavoratore [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 8973 dell’11 aprile 2018, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità di un licenziamento, comminato da una azienda di pulizie, a seguito della scadenza dell’appalto ove il lavoratore risultava impiegato.

I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato come la motivazione, addotta dall’azienda, fosse giustificata dalla cessazione dell’appalto di servizi di pulizia che aveva comportato una effettiva e non pretestuosa contrazione dell’attività produttiva e la correlativa esigenza di riduzione del personale.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 295 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento disciplinare per sviamento di clientela

La Corte di Appello di Genova, con sentenza n. 66 del 25 febbraio 2015, ha affermato che ricorrono gli estremi del licenziamento disciplinare nell’ipotesi in cui, venendo meno al principio

Passaggio di azienda e non riconoscimento delle agevolazioni [Cassazione]

Con sentenza n. 10431 del 2 maggio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che in caso di passaggio di azienda, realizzatosi attraverso un contratto di affitto, il nuovo datore di lavoro non può

Efficacia temporale della nuova disciplina delle mansioni

Il Tribunale di Roma, con sentenza depositata il 30 settembre 2015, si è pronunciato per la prima volta sull’efficacia temporale del nuovo art. 2103 c.c., modificato dal dlgs n.81/2015, che

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento