Corte Europea di Giustizia: subappalto illecito transnazionale e contribuzione

corte-di-giustizia_minCon sentenza n. C-359/16 del 6 febbraio 2018, la Corte Europea di Giustizia ha affermato che in presenza di un distacco transnazionale (nel caso di specie si trattava di subappalto svoltosi in Belgio con una ditta bulgara) i giudici del paese ospitante, qualora siano evidenti gli elementi fraudolenti e la fattispecie contrattuale risulti essere stata posta in essere con il solo scopo di fruire della minore contribuzione del paese di provenienza, possono escludere l’applicazione del certificato E 101 che, di per se stesso, offre una presunzione di regolarità.

L’acquisizione fraudolenta del certificato può avvenire attraverso una azione volontaria finalizzata a rappresentare una situazione fallace od inesistente o da una dissimulazione attraverso la quale non vengono forniti elementi rilevanti ai fini del rilascio del certificato.

I Giudici hanno ritenuto che in base al principio di leale collaborazione gli Stati debbono collaborare: nel caso di specie gli organi ispettivi del Belgio avevano chiesto alla istituzione bulgara di riesaminare e di revocare il certificato a fronte della natura fittizia della tipologia contrattuale instaurata, ma la loro istanza, trascorso un ragionevole tempo, non aveva avuto alcun seguito.

Secondo la Corte di Giustizia Europea se lo Stato emittente la certificazione non effettua alcun riesame e, soprattutto, se in presenza di fatti evidenti non procede alla revoca, il giudice del paese ospitante può ignorare la certificazione e procedere di conseguenza. Ovviamente, i datori di lavoro accusati di aver messo in essere condotte fraudolente, debbono essere messi in condizione di difendersi avendo tutte le garanzie necessarie.

Tale principio non risulta essere in contrasto con il carattere vincolante del certificato previdenziale derivante dalla Direttiva n. 987/2009 (che, in tal senso, ha confermato la decisione, impugnata, della Corte di Appello del Belgio), in quanto la vincolatività della norma ed il comportamento inerte dell’organo che ha rilasciato il provvedimento, cedono il passo di fronte ad un documentato e certo comportamento fraudolento.

Tale sentenza, anche alla luce dei principi che nel nostro paese sono contenuti nel decreto legislativo n. 136/2016, riveste una particolare importanza per gli organi periferici di vigilanza dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro.

Fonte: Corte di Giustizia Europea

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 331 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Senato, approvato in via definitiva la legge delega sul “Jobs Act”

Il Senato ha approvato in via definitiva, e senza apportare alcuna modifica al testo trasmesso dalla Camera, con 166 voti favorevoli, 112 contrari e 1 astenuto, il ddl n. 1428-B recante “Deleghe

Cassazione su: licenziamento per insulti al superiore gerarchico / simulazione nel contratto di assunzione è reato di estorsione

* licenziamento per insulti al superiore gerarchico Con sentenza n. 9635 dell’11 maggio 2016, la Cassazione ha affermato che l’insulto al superiore gerarchico giustifica il licenziamento pur se la previsione

Sicurezza sul lavoro : i nuovi requisiti del formatore

Il 18 marzo 2014 è entrato in vigore il decreto interministeriale 6 marzo 2013 sui nuovi “requisiti minimi” che deve possedere il formatore della sicurezza nei confronti dei lavoratori, dei

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento