Depenalizzazione per le omesse ritenute [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon la sentenza n. 3662/2018, la terza sezione penale della Corte di Cassazione ha affermato che la depenalizzazione parziale delle omesse ritenute a seguito della previsione contenuta nel decreto legislativo n. 8/2016 non ha effetti sulla causa di non punibilità.

La Suprema Corte ha ricordato come la modifica introdotta con la mera esclusione dall’area del penale delle omissioni al di sotto dei 10.000 euro, sostituita dalla sanzione amministrativa, abbia mantenuto la piena legittimità dell’area penale sopra tale soglia, mantenendo inalterata la causa di non punibilità in caso di versamento del dovuto entromi tr mesi successivi alla contestazione o alla notifica dell’accertamento concernente sia il rato che L’illecito amministrativo. Si tratta di una “abolitio criminis” parziale che resta allorquando viene superata la soglia.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 287 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Illegittimo il licenziamento per rifiuto al trasferimento dopo la maternità | Cassazione

Con la sentenza n. 3052/2017, la Corte di Cassazione ha dichiarato l’illegittimità di un licenziamento per mancata disponibilità al trasferimento, intimato ad una lavoratrice da poco rientrata da periodo di

Ministero del Lavoro: circolare 16/2017 – limite massimo di ore di CIGS autorizzabili per le causali di crisi e riorganizzazione aziendale

La Direzione generale degli ammortizzatori sociali e incentivi all’occupazione, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha emanato la circolare n. 16 del 28 agosto 2017, con la quale

Consiglio di Stato: gara di appalto e presentazione del DURC

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 5064 del 14 ottobre 2014, ha affermato che l’INPS deve consentire all’azienda di regolarizzare la propria posizione contributiva ritenendo, implicitamente, applicabile

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento