Ho una attività che presenta brevi periodi di lavoro, non prevedibili, di picco. Ho, per quest’attività, una lavoratrice part-time. Come posso chiederle, in questi periodi, un aumento di ore di lavoro?

Ho una attività che presenta brevi periodi di lavoro, non prevedibili, di picco. Ho, per quest’attività, una lavoratrice part-time. Come posso chiederle, in questi periodi, un aumento di ore di lavoro?
image_pdfimage_print

Le modalità sono 2 e prevedono sempre la condivisione della lavoratrice:

  • Lavoro supplementare, con le maggiorazioni previste dal CCNL applicato;
  • Applicazione nell’accordo di part-time della clausola elastiche (art. 6 DLvo 81/2015) che può prevedere un “surplus” di ore, ovvero una ricollocazione delle ore già contrattualizzate nel part-time, da pagare sempre con le maggiorazioni previste dal CCNL applicato. Questa seconda modalità potrà essere prevista qualora disciplinata dalla contrattazione collettiva ovvero qualora l’accordo di part-time venga certificato da una Commissione di Certificazione (art. 75 e ss. del DLvo 276/2003).

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 443 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Per un barista che lavora 67 sere all’anno dalle ore 22 alle ore 03, si devono fare delle comunicazioni alla DTL o ai Sindacati ?

Si definisce “notturno” il lavoratore che svolge durante il periodo notturno (periodo di 7 ore consecutive comprendenti l’intervallo fra mezzanotte e le cinque) alternativamente:

Vorrei assumere nel 2018 un lavoratore francese che lavora in Messico, a quale tipo di agevolazione posso accedere?

Per il caso prospettato si può applicare l’ agevolazione prevista dall’articolo 16, comma 1, D.lgs. n. 147 del 2015. Detta norma prevede la possibilità di una esenzione del 50% del

Vorrei sapere quali sono i recessi per i quali non c’è l’obbligo del preavviso?

L’ obbligo del preavviso non sussiste per le seguenti risoluzioni: Risoluzione consensuale Risoluzione per giusta causa (art. 2119 c.c.) Recesso durante o al termine del periodo di prova Risoluzione allo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento