Licenziamento per assenza ingiustificata [Corte di Cassazione – Sent. n. 25380 del 1 Dicembre 2014]

Con la sentenza n. 25380 del 1° dicembre 2014,la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per giusta causa, nei confronti di un lavoratore che non comunica tempestivamente le motivazioni del mancato rientro in servizio o, addirittura, fornisce informazioni non veritiere per l’assenza (nel caso specifico, l’assenza era dovuta a custodia cautelare in carcere).

In particolare, secondo i giudici della Suprema Corte, l’assenza prolungata ed ingiustificata ha compromesso irrimediabilmente il rapporto fiduciario tra le parti.

Visualizza sentenza n. 25380 a schermo intero |

Visualizza sentenza n. 25380 a schermo intero |

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento e previsione del CCNL [Cassazione]

Con sentenza n. 21062 dell’11 settembre 2017, la Corte di Cassazione, riformando una decisione della Corte di Appello e riferendosi ad un procedimento anteriore alla riforma dell’art. 18 intervenuta il 18 luglio

INPS: aziende con il sistema Uniemens – denunce mensili “Anomali e Provvisori”

L’Inps, con il messaggio n. 5207 del 6 agosto 2015, fornisce alcuni chiarimenti alle denunce anomale e provvisorie che riportano una “squadratura” tra la somma dei singoli elementi contributivi individuali

Lavoratori itineranti e orario di lavoro durante gli spostamenti [Corte giustizia EU]

La Corte di Giustizia Europea, con la sentenza alla causa C‑266/14 del 10 settembre 2014 , ha ritenuto che l’articolo 2, punto 1, della Direttiva Europea n. 2003/88, sull’organizzazione dell’orario di lavoro,

1 Commento

  1. COME TROVARE LAVORO
    Dicembre 08, 16:38 Reply

    Questa motivazione mi sembra giusta ma è altrettanto giusto che capiti un impegno improvviso che non lasci scampo

Lascia un commento