fbpx

Licenziamento per assenza ingiustificata [Corte di Cassazione – Sent. n. 25380 del 1 Dicembre 2014]

Con la sentenza n. 25380 del 1° dicembre 2014,la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per giusta causa, nei confronti di un lavoratore che non comunica tempestivamente le motivazioni del mancato rientro in servizio o, addirittura, fornisce informazioni non veritiere per l’assenza (nel caso specifico, l’assenza era dovuta a custodia cautelare in carcere).

In particolare, secondo i giudici della Suprema Corte, l’assenza prolungata ed ingiustificata ha compromesso irrimediabilmente il rapporto fiduciario tra le parti.

Visualizza sentenza n. 25380 a schermo intero |

Visualizza sentenza n. 25380 a schermo intero |

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1399 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Taglio cuneo fiscale 2020 per lavoratori dipendenti e aumento bonus Renzi

Taglio cuneo fiscale 2020 Il decreto legge n. 29 pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il 5 febbraio 2020, fa riferimento alle “Misure urgenti per la riduzione della pressione fiscale del lavoro

Dimissioni presentate sotto stress [Cassazione]

Con sentenza n. 30126 del 21 novembre 2018, la Corte di Cassazione, trattando la questione relativa alle dimissioni di un dipendente pubblico (al quale non si applica la procedura telematica prevista per il settore

Corte Europea di Giustizia: periodo di maternità e status di “lavoratrice”

La Corte Europea di Giustizia, con sentenza n. C-507/12 del 19 giugno 2014, ha affermato che può conservare lo status di «lavoratrice» la donna che smette di lavorare o di cercare

1 Commento

  1. COME TROVARE LAVORO
    Dicembre 08, 16:38 Reply

    Questa motivazione mi sembra giusta ma è altrettanto giusto che capiti un impegno improvviso che non lasci scampo

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.