Nella nostra azienda lavora un lavoratore a chiamata , abbiamo limiti al suo utilizzo?

image_pdfimage_print

Se il contratto applicato dall’azienda non è quello dello spettacolo, turismo o commercio, il massimale delle giornate di “chiamata” che un lavoratore intermittente può fare è pari a 400gg in 3 anni (il calcolo inizia dal 18 luglio 2012 – anno di vigenza della Riforma del Lavoro).

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 458 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho una azienda che lavora in modo discontinuo, come faccio senza i voucher?

Da sabato 17 marzo 2017 è vigente il Decreto Legge n. 25/2017 che abroga, dalla stessa data, il Lavoro Accessorio. Viene lasciato un periodo transitorio, per i voucher acquistati in

Ho saputo che la Regione Lombardia ha previsto un incentivo all’assunzione di persone con disabilità . Ci sono distinzioni se si tratta di assunzioni “obbligatorie*” e “volontarie” ?

Nel Decreto n. 2863 del 13 aprile 2015, di approvazione dell’Avviso, non risultano discriminate, dall’erogazione dell’incentivo previsto, le assunzioni “obbligatorie” dei disabili. Detto ciò, conviene verificare presso lo sportello del

Un dirigente della mia azienda si è lamentato della forfettizzazione delle ore di straordinario e quindi del mancato rispetto del massimale di ore straordinarie previste dalla legge e dal ccnl di riferimento. Ha ragione?

Ai dirigenti non si applicano le disposizioni sul lavoro straordinario , previste all’art. 5 del d.l.vo 66/2003; sempre, comunque, nel rispetto dei principi

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento