fbpx

Nella nostra azienda lavora un lavoratore a chiamata , abbiamo limiti al suo utilizzo?

Se il contratto applicato dall’azienda non è quello dello spettacolo, turismo o commercio, il massimale delle giornate di “chiamata” che un lavoratore intermittente può fare è pari a 400gg in 3 anni (il calcolo inizia dal 18 luglio 2012 – anno di vigenza della Riforma del Lavoro).

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 672 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quando considero un lavoratore trasfertista?

L’articolo 7-quinquies, della Legge n. 225/2016 (di conversione del D.L. n. 193/ 2016), ha fornito una interpretazione autentica in materia di determinazione del reddito del lavoratore trasfertista. In particolare, per

Un contratto aziendale che prevede una Flessibilità oraria potrebbe portare uno sgravio contributivo come previsto dal Decreto interministeriale 12-9-2017 in materia di conciliazione vita-lavoro?

Purtroppo non ci sono i requisiti per richiedere le agevolazioni previste dal Decreto interministeriale 12 settembre 2017, in quanto mancano alcuni elementi fondamentali previsti dalla norma: Si deve trattare di Contratti

In caso di cessazione dello smartworking, devo comunicare qualcosa al Ministero del Lavoro?

Sia l’attivazione che la cessazione della prestazione in smartworking va effettuata attraverso il sito: https://servizi.lavoro.gov.it/smartworking In particolare, per quanto riguarda la cessazione dell’attività in smart-working, dopo aver effettuato il login,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento