fbpx

Legge di Stabilità 2015 : agevolazioni alle assunzioni e soppressione sgravi contributivi Legge 407/90, incentivi a confronto

stabilita_2015La Legge di Stabilità per il 2015 approderà nell’Aula della Camera a partire dal 27 novembre. Uno slittamento di tre giorni rispetto alla data prevista inizialmente del 24 novembre.Tra gli emendamenti proposti, in particolare, quelli all’art.12 che introduce lo sgravio contributivo per i neoassunti a tempo indeterminato.
Lo sgravio consiste nell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, nel limite massimo di 8.060 euro annui per tutte le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato, con la sola esclusione dei contratti di apprendistato, dei contratti di lavoro domestico e del settore agricolo, decorrenti dal 1° gennaio 2015 e stipulati entro il 31 dicembre 2015, per un periodo massimo di 36 mesi.
Perché sussista l’effettivo diritto a fruire dell’agevolazione, lo status occupazionale del lavoratore deve congiuntamente possedere due requisiti:

1) non deve essere stato occupato a tempo indeterminato nei sei mesi che precedono l’assunzione;
2) non deve aver avuto rapporti di lavoro, con l’azienda che lo assume o altri datori di lavoro che appartengano al medesimo gruppo di imprese, nei tre mesi che precederanno l’entrata in vigore della Legge stessa.

Tuttavia lo sgravio, pur essendo definito totale, sottostà a tre rilevanti limitazioni:

  • importo massimo pari a 8.060 euro annui;
  • esclusione dallo sgravio dei contributi Inail;
  • possibilità per il lavoratore di essere assunto con l’agevolazione una volta soltanto.

Di contro, la Legge 407/90 prevede il pagamento nella misura del 50% dei contributi previdenziali ed assistenziali per un periodo di trentasei mesi per le assunzioni con contratto a tempo indeterminato di lavoratori disoccupati, sospesi o in Cig da almeno ventiquattro mesi. Nel caso in cui tali assunzioni siano effettuate da imprese operanti nelle zone svantaggiate del Mezzogiorno ovvero da imprese artigiane, lo sgravio raggiunge il 100% della contribuzione totale a carico del datore di lavoro. Lo sgravio include dunque sia i contributi da versare all’Inps che quelli destinati all’ Inail e la fruizione dello stesso è ripetibile, ricorrendone le condizioni, in capo al medesimo lavoratore.
Dal punto di vista economico, il nuovo sgravio risulta sicuramente più conveniente per il datore di lavoro del Centro-nord non artigiano, in quanto include interamente i contributi Inps mentre la legge 407/90 in questi casi prevede soltanto il 50% di riduzione.

Tuttavia, l’esistenza del tetto massimo di fruibilità, 8.060 euro annui, rende il nuovo beneficio meno conveniente sia all’aumentare della retribuzione corrisposta al lavoratore  che all’aumentare del tasso Inail, non essendo prevista l’estensione dello sgravio anche ai contributi assistenziali.

In conclusione, se la legge di Stabilità 2015 sarà approvata “secondo il testo attuale”, andrà a sopprimere i benefici contributivi dell’art. 8, comma 9, della Legge n. 407/1990, l’incentivo all’assunzione più utilizzato dai datori di lavoro negli ultimi 24 anni. Inoltre, a partire dal 1 gennaio 2016 non ci saranno sgravi contributivi di alcun genere in favore delle assunzioni a tempo indeterminato.

Tabella comparazione sgravi *(secondo il “testo attuale” al 21/11/2014 , non sono escluse modifiche)

stabilita

Nuovi articoli sulla Legge di stabilità 2016 

×

Anno 2016: la ricerca del miglior incentivo per l’ occupazione [E. Massi]

Anno 2016: la ricerca del miglior incentivo per l’ occupazione [E. Massi]

Cosa succederà nel 2016? E’ questa, una delle domande ricorrenti tra gli operatori del mondo del lavoro che riguarda l’esonero contributivo per i nuovi assunti il quale, generosamente riconosciuto nel 2015 per i tre anni successivi alla instaurazione dei rapporti, a chi, in un’ottica di occupazione stabile, ha proceduto ad assunzioni a tempo indeterminato, scadrà il prossimo 31 dicembre. Il disegno di legge di Stabilità per l’anno 2016, presentato dall’Esecutivo all’approvazione del Parlamento, ripropone il beneficio, sia pure in misura ridotta

Controlli a distanza e sugli strumenti di lavoro: l’informativa al lavoratore [E.Massi]

Controlli a distanza e sugli strumenti di lavoro: l’informativa al lavoratore [E.Massi]

Un passaggio molto importante della recente normativa che ha cambiato la struttura e l'impostazione dell'art. 4 della legge n. 300/1970 è rappresentato dall'obbligo di informare i dipendenti sui controlli in azienda, qualora si intenda utilizzarli per " tutti i fini connessi al rapporto di lavoro".  Si tratta di un passaggio essenziale ed obbligatorio se si desidera utilizzare tutte le informazioni desunte sia dai controlli a distanza attraverso la strumentazione per la quale è intervenuto l'accordo sindacale o, in alternativa, il

Collaborazioni: cosa fare a gennaio 2016 [E.Massi]

Collaborazioni: cosa fare a gennaio 2016 [E.Massi]

Il 1° gennaio 2016 si avvicina e molti datori di lavoro (“rectius” committenti) sono alle prese con rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, o rapporti con titolari di partite IVA ai limiti della legalità riferita alla qualificazione del rapporto di lavoro: infatti l’art. 2 del D.L.vo n. 81/2015 afferma che trova applicazione la disciplina del lavoro subordinato in tutte quelle ipotesi nelle quali la prestazione continuativa ed esclusivamente personale è, per quel che riguarda i tempi ed

Sull' autore

Marialuisa Santoro
Marialuisa Santoro 22 posts

Consulente del lavovo Generazione vincente Spa http://generazionevincente.it/

Vedi tutti i post di questo autore →

117 Commenti

  1. Raffaella
    Settembre 23, 11:57 Reply

    Buongiorno,
    sono assunta presso una sas con il decreto job act, se il titolare dello studio passa da sas ad srl o individuale senza licenziarci si mantengono le agevolazioni con il job act? O il datore di lavoro perde tale agevolazione?

  2. Marcello
    Giugno 30, 17:49 Reply

    Salve, io lavoro in un’azienda tramite una cooperativa, vorrei sapere se ci fosse un termine nel quale l’azienda sia costretta ad assumermi come dipendente e non tramite cooperativa.

  3. Francesco
    Maggio 20, 15:42 Reply

    Salve,
    sono un disoccupato di lunga data, scrivo per avere un chiarimento poichè non ho ben compreso se a seguito della legge di stabilità 2015 per i soggetti come me cioè disoccupati di lunga data (24 mesi) sono ancora disponibili gli sgravi fiscali della legge 407/90.

    Grazie
    Francesco

  4. Claudia
    Maggio 05, 13:26 Reply

    Salve io ho un contratto a tempo indeterminato come lavapiatti ora il proprietario chiude ed apre un’altro ristorante ,inizialmente mi avevano detto che facevano il passaggio diretto adesso mi dicono che non possono farlo e quindi dovrebbero licenziarmi ma non possono riassumermi xke’ gli costerei troppo e non possono usufruire degli sgravi che invece hanno avuto quando mi hanno assunto ,vorrei sapere quanto c’è di vero in questo?grazie

Lascia un commento