E’ possibile limitare o annullare l’intervallo che la legge prevede in caso di rinnovo di contratti a termine, con un accordo sindacale di secondo livello ?

image_pdfimage_print

Sì, l’articolo 5, comma 3, del D.L. vo 368/2001, stabilisce che le regole relative al c.d. “stop & go” non valgono qualora siano previste ipotesi individuate dai contratti collettivi, anche aziendali, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 487 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho licenziato un lavoratore per giusta causa, devo pagare anche il ticket licenziamento? Qualora la risposta sia positiva, quant’è l’importo da pagare?

Sì, il contributo NASpI (c.d. ticket licenziamento) nasce per il solo fatto che il lavoratore acquisisce il diritto formale all’indennità di disoccupazione. Questo indipendentemente dal fatto che il lavoratore trovi

E’ vero che è stato previsto un limite massimo di giornate per il lavoro a “chiamata”?

Sì, non si possono superare le 400 giornate di effettivo lavoro nell’arco di 3 anni solari. Superando detto limite il rapporto di lavoro si trasforma in rapporto subordinato a tempo

E’ legittimo il licenziamento del dipendente disabile per superamento del periodo di comporto ?

La risposta è positiva a meno che le assenze per malattia siano la conseguenza di un comportamento del datore di lavoro che ha assegnato il dipendente a mansioni non compatibili

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento