Licenziamento individuale e obbligo di repechage [Tribunale di Roma]

Il Tribunale di Roma, con ordinanza del 27 ottobre 2014, ha affermato che l’obbligo di repechage , in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo (soppressione della postazione lavorativa a seguito di esternalizzazione), viene meno a fronte di una assunzione a tempo determinato operata un mese prima del licenziamento.

Il caso prospettato in questa decisione e’ diverso da quello definito dallo stesso Tribunale di Roma con l’ordinanza del 22 settembre 2014 con la quale si era affermato che l’obbligo di repechage sussisteva anche nel caso in cui, nei tre mesi precedenti, era stato trasformato a tempo indeterminato un contratto a termine. In tale ipotesi la trasformazione del contratto era stata considerata come una assunzione ex novo.

PrintFriendlyPrintEmailFacebookLinkedInTwitterWhatsAppCondividi
in collaborazione con dottrinalavoro.it

A cura di : in collaborazione con dottrinalavoro.it

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Potrebbero interessarti anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)