Quali sono gli adempimenti in caso di invio di un lavoratore in trasferta in un Paese Europeo?

Per il lavoratore in trasferta / distacco va richiesto il Modello A1 all’Inps. Purtroppo, ad oggi, non c’è una modalità telematica per la richiesta e l’ottenimento del Modello. Inoltre, le sedi Inps hanno procedure variegate: dalla richiesta cartacea, alla richiesta tramite email o fax. Vario è anche il termine per la concessione del modello da parte dell’Istituto previdenziale.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 535 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Sto effettuando un licenziamento collettivo per un reparto, posso licenziare una donna incinta?

Nel caso prospettato, la lavoratrice madre non potrà essere licenziata sino al compimento di un anno di età del bambino. Ciò è dovuto a quanto prescritto dall’articolo 54 del Testo

Se erogo l’indennità di trasferta oltre i limiti previsti dalla legge, la quota esente rimane tale?

  Se erogo l’ indennità di trasferta oltre i limiti previsti dalla legge, la quota esente rimane ed il resto viene considerato retribuzione e come tale tassato e contribuito? Oppure

2 Commenti

  1. Roberto
    Settembre 24, 10:44 Reply

    A livello europeo, trasferta e distacco sono considerati sinonimi e non vi è un limite minimo di durata della trasferta che esenta la richiesta del Modello A1.

  2. Fabio
    Settembre 23, 18:45 Reply

    Buonasera Dr. Camera
    Ma anche per brevi trasferte in paesi UE e necessario richiedere il modello A1, o la richiesta vale solo per i distacchi?

    Cordiali saluti.

Lascia un commento