Decreto sulle semplificazioni fiscali, omaggi : soglia di indetraibilità fissata a 50 euro.

Il decreto legislativo avente ad oggetto la semplificazione degli adempimenti, in attuazione della delega fiscale, è intervenuto sulla disciplina IVA dei “ piccoli omaggi ”. In particolare, è stato uniformato (ai fini della detrazione) il limite previsto dall’art. 19-bis1, comma 1, lettera h) – in precedenza pari a 25,82 euro – ora elevato (come per le imposte sui redditi) a 50 euro. La misura è stata accompagnata dal contestuale innalzamento della soglia di non imposizione dei piccoli omaggi.

A seguito del testo novellato dell’art. 19-bis1 citato, “non è ammessa in detrazione l’imposta relativa alle spese di rappresentanza, come definite ai fini delle imposte sui redditi, tranne quelle sostenute per l’acquisto di beni di costo unitario non superiore ad euro cinquanta”.

La disposizione definisce le spese di rappresentanza rinviando alle disposizioni in materia di imposte sul reddito. A tal proposito si considerano spese di rappresentanza anche ai fini dell’IVA quelle definite tali dal D.M. 19 novembre 2008, emanato in attuazione dell’art. 108, comma 2, TUIR.

Ora, per effetto della disposizione in rassegna, la disciplina risulta notevolmente semplificata.

In passato è stato più volte riscontrato il mancato coordinamento della lettera h) dell’art. 19-bis1, la quale prevedeva l’applicazione del limite di 25,82 euro, rispetto a quello di 50 euro relativo alle imposte sui redditi. Qualora fosse stato superato il primo limite, l’indetraibilità dell’IVA avrebbe potuto a sua volta determinare il superamento della seconda soglia con effetti negativi a “catena” anche per le imposte sui redditi.

Ad esempio

Si consideri il caso in cui un’impresa acquisti un quantitativo di penne ed agende da distribuire gratuitamente ai propri fornitori in concomitanza con le festività natalizie. Il costo al netto dell’IVA è di 45 euro, ma se si considera l’IVA indetraibile il costo aumenta a 54,90 euro.

In pratica, in base alla norma precedentemente in vigore, l’indetraibilità dell’IVA dovuta al superamento della soglia (inferiore) di 25,82 euro, determinava un effetto negativo anche ai fini delle imposte sui redditi. Conseguentemente essendo il costo complessivo superiore alla soglia di 50,00 euro, la deducibilità dei predetti oneri era subordinata al superamento di un apposito “test”.

La verifica della congruità di tali oneri deve essere effettuata applicando ai ricavi/proventi della gestione caratteristica (voci A.1 e A.5) del Conto economico le seguenti percentuali:

– 1,3% con ricavi e proventi di cui alla gestione caratteristica fino a 10 milioni di euro;

– 0,5% con ricavi e proventi da 10 milioni fino a 50 milioni di euro;

– 0,1% con ricavi e proventi superiori a 50 milioni di euro.

Per effetto della semplificazione in rassegna che, come ricordato, ha uniformato i limiti relativi alle due imposte, il contribuente non avrebbe dovuto effettuare la verifica della congruità.

Tornando all’esempio proposto in precedenza, essendo il costo sostenuto per l’acquisto degli omaggi pari a 45 euro, quindi inferiore alla soglia di 50 euro, l’IVA avrebbe potuto essere considerata in detrazione. Tale circostanza non determina a sua volta il superamento dello stesso limite previsto ai fini delle imposte sui redditi.

Per tale ragione, come già spiegato, l’IVA risulterà integralmente indetraibile e lo stesso dicasi per il costo ai fini delle imposte sui redditi.

L’entrata in vigore della novità è subordinata alla pubblicazione del decreto legislativo nella Gazzetta Ufficiale e al decorso dei successivi 15 giorni.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

In via di emanazione altri 6 decreti sul Jobs act [Governo]

Il Consiglio dei Ministri ha esaminato, nella seduta n. 67 del 11 giugno 2015: N. 2 DECRETI LEGISLATIVI (in via definitiva) in attuazione della legge n. 183 del 2014, recanti:

ANPAL: aperte le candidature per 3mila Navigator

L’ANPAL ha avviato le procedure di selezione per 3 mila navigator, figure professionali necessarie all’avvio del Reddito di Cittadinanza. Si potrà presentare la domanda, esclusivamente per via telematica, dalle ore 10.00 del 18 aprile 2019 e sino alle

Ministero dello Sviluppo Economico: voucher per la digitalizzazione delle PMI – proroga termine

Il Ministero dello Sviluppo Economico comunica che, con decreto direttoriale 14 dicembre 2018, è stato prorogato il termine per l’ultimazione delle spese progettuali connesse agli interventi di digitalizzazione dei processi aziendali

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento