Per l’accesso alle prestazioni occasionali, il computo dei 5 dipendenti a Tempo indeterminato è considerato per singole sedi o per tutte quelle facenti capo ad unica impresa?

Per l’accesso alle prestazioni occasionali, il computo dei 5 dipendenti a Tempo indeterminato è considerato per singole sedi o per tutte quelle facenti capo ad unica impresa?

La normativa (art. 54-bis, comma 14, della Legge 96/2017), parla di divieto all’utilizzo delle Prestazioni Occasionali “da parte degli utilizzatori che hanno alle proprie dipendenze più di cinque lavoratori subordinati a tempo indeterminato”. Detta indicazione è stata ripresa puntualmente dall’Inps nella circolare 107/2017: “ai datori di lavoro che hanno alle proprie dipendenze più di cinque lavoratori subordinati a tempo indeterminato.”

In considerazione di ciò, ed in attesa di ulteriori chiarimenti da parte dell’Ispettorato nazionale del Lavoro, ritengo che trattasi di un massimo di 5 lavoratori a tempo indeterminato per l’intera azienda.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 554 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Se ad un dipendente iscritto nelle liste di mobilità con regolare assegno viene attivato uno stage di inserimento, può continuare a percepirlo, restando iscritto?

Nessun problema ad instaurare un rapporto di tirocinio di inserimento, in quanto non essendo un rapporto di lavoro non viene considerata l’indennità di partecipazione ai fini dell’assegno mobilità.

Nel contratto individuale di lavoro posso andare ad aumentare il periodo di prova?

Il periodo di prova è regolamentato dalla contrattazione collettiva, in base alla categoria legale, alla qualifica, al livello e alle mansioni. Una rimodulazione prevista dal contratto individuale, può essere fatta

Qual è il limite massimo di ore annuali di straordinario?

Il limite massimo di ore di straordinario è pari a 250 ore (articolo 5 del decreto legislativo 66/2003) esclusivamente per quelle aziende che applicano contratti collettivi che non hanno diversamente

2 Commenti

  1. Annina
    Aprile 27, 16:00 Reply

    io ho un part-time e insieme da poco ho iniziato un tirocinio universitario volevo chiedere appunto se il datori devono calcolare il mio giorno di riposo di 35 ore come se avessi 2 lavori e vero ?considerando i vari riposo di entrambi i lavori

    • Roberto
      Maggio 02, 12:38 Reply

      il tirocinio universitario non è considerato un rapporto di lavoro ma mera formazione e come tale non soggiace alle regole generali.

Lascia un commento