Nel messaggio dell’Inps (1162/2018) si legge dell’incompatibilità della Naspi con un nuovo contratto intermittente. Mi può spiegare meglio?

Nel messaggio dell’Inps (1162/2018) si legge dell’incompatibilità della Naspi con un nuovo contratto intermittente. Mi può spiegare meglio?

Credo che il quesito si riferisca da un ex Lavoratore stagionale, ora in NASpI, riassunto dallo stesso datore di lavoro con contratto di lavoro intermittente. Queste le specifiche dell’Inps in merito:

  1. No al cumulo della NASpI con il reddito derivante da lavoro intermittente. Ciò in quanto per aversi cumulo, il nuovo datore di lavoro deve essere diverso dal datore di lavoro per il quale il lavoratore prestava la sua attività quando è cessato il rapporto di lavoro che ha dato diritto alla NASpI.
  2. Sì alla sospensione dall’erogazione della NASpI, in caso di successivo contratto intermittente è di durata pari o inferiore a 6 mesi:
    • per l’intero periodo di durata del rapporto, se il contratto intermittente prevede l’indennità di disponibilità;
    • per le giornate di effettiva prestazione lavorativa, se il contratto intermittente non prevede l’indennità di disponibilità.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 526 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Il contratto di un lavoratore in sostituzione è arrivato a 4 proroghe, una ulteriore proroga lo trasformerebbe in indeterminato?

La società ha assunto, a tempo determinato in sostituzione di un lavoratore in infortunio, un nuovo dipendente. Il lavoratore infortunato però ha tardato il rientro in azienda vista la gravità

Un lavoratore deve rientrare in azienda dopo una assenza per malattia di 3 mesi, ho saputo che l’azienda non può farlo rientrare senza una visita medica di idoneità. È così?

Il D.L.vo n. 106/09 ha incrementato l’elenco delle visite mediche ricomprese nella disciplina della sorveglianza sanitaria, introducendo la lettera e-ter), al comma 2, dell’art. 41, del D.lgs. n. 81/08, stabilendo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento