Leggera flessione dell’ industria a gennaio: -1,9% su dicembre

Leggera flessione dell’ industria a gennaio: -1,9% su dicembre
image_pdfimage_print

I dati Istat rilevano una leggera flessione della produzione industriale nel mese di gennaio in rapporto a dicembre 2017. Secondo la stima su base mensile dell’Istat, l’indice destagionalizzato registra una leggera diminuzione, dell’1,9%, rispetto a dicembre 2017 e aumenta del 4% rispetto a gennaio 2017 (dato corretto per gli effetti di calendario).

Se si prendono in considerazione i numeri su base annua gli aumenti più significativi riguardano i beni di consumo (+8,6%), quelli strumentali (+7,6%) e gli intermedi ( +6,2%). Il calo più significativo risulta invece il settore dell’ industria energetica(-15,1%).

Stendo invece alla media trimestrale (novembre-gennaio), prosegue l’Istat, l’indice della produzione industriale aumenta dell’1% rispetto al trimestre immediatamente precedente.

Uno sguardo più attento ai settori di attività economica, fa rilevare che: a gennaio 2018 i comparti che censiscono la crescita maggiore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno sono quelli della metallurgia e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+14,1%), delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (+11,1%) e delle altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine ed apparecchiature (+8,4%).

Al contrario le flessioni maggiori si registrano nei settori della fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria (-17,1%), della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati e dell’attività estrattiva (entrambi -3,5%).

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

IBM SELEZIONA INGEGNERI

IBM Software Lab di Roma ha infatti aperto una selezione rivolta ad ingegneri specializzati in software da inserire in azienda tramite l’Extreme Blue Internship Program. Il programma di stage IBM è rivolto sia a laureati che a studenti

FIAT, ASSUNTI IN 370

La Fca stabilizzerà 370 lavoratori interinali nello stabilimento di Melfi, che si vanno ad aggiungere ai precedenti 1.480, per un totale di 1.850 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato.

STRESS SUL LAVORO

i casi di stress da lavoro sono 2.180 ogni 100.000 donne con impiego. Si tratta del maggior problema col quale è costretta a cimentarsi la generazione delle signore tuttofare, un

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento