Nel caso un’azienda (in Emilia Romagna) avesse effettuato “licenziamenti per superamento periodo di comporto” può attivare tirocini?

Nel caso un’azienda (in Emilia Romagna) avesse effettuato “licenziamenti per superamento periodo di comporto” può attivare tirocini?

L’articolo 26-bis della Legge Regionale Emilia Romagna n. 17/2005 prevede, perché si possano utilizzare tirocinanti, che l’azienda (soggetto ospitante) non abbia effettuato licenziamenti, salvi quelli per giusta causa e per giustificato motivo soggettivo, nei 12 mesi precedenti l’attivazione del tirocinio. In alternativa è possibile stilare un accordo sindacale con le organizzazioni territoriali più rappresentative.

In caso d’inosservanza l’azienda non può attivare tirocini per un periodo di 12 mesi ed è tenuto al rimborso di quanto eventualmente corrispostogli dalla Regione.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Si possono attivare tutti i tipi di tirocini a seguito di licenziamenti, o ci sono delle differenze?

Mi conferma che il divieto, presente nella normativa regionale, di attivare tirocini a seguito di licenziamenti per giustificato motivo oggettivo si riferisce solo a quelli formativi (non curriculari) e non

Cosa si intende per pausa durante l’orario di lavoro?

L’art. 8 del D.L.vo n. 66/2003 e la circolare del Ministero del Lavoro n. 8/2005 spiegano chiaramente che allorquando l’orario giornaliero supera le 6 ore, il lavoratore ha diritto ad

Stiamo valutando l’assunzione di una persona italiana che lavora all’etero. Volevamo capire se possiamo godere di una agevolazione contributiva o fiscale in quanto offriamo un lavoro in Italia ad un cittadino italiano che al momento lavoro all’estero.

L’ agevolazione a cui, credo, Lei faccia riferimento è quella relativa al rientro dei c.d. “cervelli” e cioè una agevolazione fiscale prevista sino al 31 dicembre 2015 per favorire il

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento