Collaborazione di un familiare e pagamento dell’Irap per il professionista ( Cassazione )

image_pdfimage_print

La  Cassazione, con ordinanza n. 22628 del24 ottobre 2014, ha stabilito che il professionista che si avvale dell’ausilio di un familiare è tenuto al versamento dell’IRAP, in quanto tale collaborazione si configura come automa organizzazione per l’ampliamento delle capacità personali.
I giudici della Suprema Corte hanno confermato che il requisito dell’autonoma organizzazione ricorre quando il contribuente:

  • sia, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell’organizzazione e non sia, quindi, inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità ed interesse;
  • impieghi beni strumentali eccedenti, secondo l’id quod plerumque accidit, il minimo indispensabile per l’esercizio dell’attività in assenza dell’organizzazione.

Costituisce onere del contribuente, che chieda il rimborso dell’imposta asseritamente non dovuta, dare la prova dell’assenza delle predette condizioni.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 305 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Fotocopiare documenti aziendali e licenziamento disciplinare [cassazione]

Con sentenza n. 4596 del 6 marzo 2015, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento disciplinare nei confronti di un dipendente che si appropria di documenti aziendali riservati, fotocopiandoli. Nella

Soppressione del posto di lavoro e presa in carico del socio [cassazione]

Con sentenza n. 12242 del 12 giugno 2015, la Corte di Cassazione ha affermato la illegittimità del licenziamento per giustificato motivo oggettivo collegato alla necessità di effettuare un riassetto organizzativo

Oneri di comunicazione anche nei licenziamenti collettivi con cessazione di attività [Cassazione]

Con sentenza n. 18286 del 25 luglio 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che nel caso di licenziamenti collettivi adottati al termine di una procedura collettiva per un’azienda in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento