Fondi pensione: nel 2017 in aumento del 7%

Fondi pensione: nel 2017 in aumento del 7%
image_pdfimage_print

Sono sempre in numero maggiore i lavoratori italiani che optano per i Fondi pensione o la previdenza integrativa. I Fondi pensione sono utilizzati da circa 8 milioni di occupati in tutto il Paese, e rappresentano un terzo del numero totale. Soltanto nell’ultimo anno il numero di chi sceglie di integrare la propria pensione è salito di oltre 554 mila lavoratori, pari ad un incremento del 7% .

Con un sistema pensionistico nazionale che ad oggi non garantisce un futuro confortante per i giovani, il ricorso a strumenti di previdenza integrativa può diventare l’ultima possibilità di avere una pensione dignitosa alla conclusione della vita professionale come spiega Andrea Lesca, responsabile Reti e Welfare aziendale di Intesa Sanpaolo Vita.

“La previdenza integrativa è sicuramente molto utile per costruire una seconda pensione affianco a quella della previdenza pubblica che di fatto garantirà sempre meno risorse al momento del pensionamento quindi dotarsi di un fondo pensione diventa pressoché una necessità anche se consideriamo i significativi vantaggi fiscali associati ai versamenti ai rendimenti e alla prestazione finale”.

Sono soprattutto quelli della generazione millennials, i giovani nati tra l’inizio degli anni ’80 e il 2000, coloro che dovrebbe considerare con maggior interesse i fondi pensione in cui si possono trovare strumenti accessibili e flessibili per cominciare a mettere da parte un tesoretto per l’età pensionabile. A causa di contratti precari, salari bassi e prospettive di carriere lavorative più lunghe dei loro genitori l’accesso al trattamento previdenziale dello Stato in molti casi non sarà sufficiente per garantire un adeguato trattamento pensionistico.

“Chi parte – dichiara il responsabile – in giovane età è sicuramente avvantaggiato nel senso che può versare poco, ma il fatto di versare per tutta la vita lavorativa, quindi circa per 40-50 anni, avrà la possibilità di un effetto capitalizzazione di interessi su interessi che costituiranno una pensione integrativa significativa”.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

ISTAT: DATI DISOCCUPAZIONE MAGGIO

Il tasso di disoccupazione a maggio cala all’11,5% (era all’11,6% ad aprile secondo il dato rivisto). Lo comunica l’Istat, sulla base dei dati provvisori. Sempre a maggio, il tasso di occupazione

“Concatenation” una serata benefica con il compositore Federico Longo

Nella splendida cornice del Circolo Canottieri di Napoli il Maestro compositore Federico Longo si esibirà in un concerto di beneficenza il cui incasso sarà interamente devoluto all’ Associazione “In nome

CONFINDUSTRIA PROMUOVE JOB ACT

Confindustria promuove a pieni voti il contratto a tutele crescenti e gli sgravi contributivi che lo accompagnano introdotti dal Jobs act: due imprese su cinque hanno assunto o sono in

1 Commento

Lascia un commento