INPS: nuova modalità di presentazione della richiesta di ANF per i Lavoratori Domestici somministrati

image_pdfimage_print

L’INPS ha emanato il messaggio n. 1028 del 7 marzo 2018, rende noto che la procedura attualmente in uso per le domande di Assegno per il Nucleo Familiare dei lavoratori domestici, è stata aggiornata con la funzionalità di invio delle domande di ANF da parte dei lavoratori domestici somministrati.

Per i lavoratori domestici somministrati, in ragione delle loro caratteristiche (prestazione di lavoro domestico sottoposta agli adempimenti previdenziali del lavoro dipendente), il pagamento dell’assegno per il nucleo familiare compete direttamente all’Istituto ai sensi dell’articolo 37, comma 4, del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81.

La presentazione telematica delle domande in oggetto potrà avvenire attraverso uno dei seguenti canali:

  • WEB – servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino munito di PIN o SPID attraverso il portale dell’Istituto;
  • Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
    • Enti di patronato e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Domanda Lavoratori Domestici somministrati tramite web

Il servizio è disponibile sul sito internet dell’Istituto, www.inps.it, attraverso il seguente percorso: “famiglia” > “accesso al portale delle domande per prestazioni a sostegno del reddito” > “persone” > “AUTENTICAZIONE con codice fiscale e pin dispositivo” > “Assegno al nucleo familiare” > “ANFLD e LD Somministrati”.

Per l’invio della domanda il cittadino dovrà compilare una serie di pannelli nei quali dovranno essere dichiarate le informazioni necessarie alla presentazione dell’istanza.

L’architettura del servizio prevede il prelievo automatico dalle banche dati di alcune delle informazioni necessarie alla compilazione della domanda, quali, ad esempio, i dati anagrafici del nucleo familiare, i dati anagrafici dell’azienda e le informazioni derivanti dalle denunce mensili dei datori di lavoro.

Altri dati dovranno essere inseriti direttamente dal cittadino richiedente e confermati dallo stesso al termine dell’inserimento, al fine di fornire tutti gli elementi necessari per l’istruttoria delle Strutture territoriali.

Fonte: INPS

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 305 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INPS: l’ Osservatorio sul precariato di gennaio 2018

L’Inps ha pubblicato, in data 22 marzo 2018, i dati dell’Osservatorio sul precariato di gennaio 2018. Le assunzioni riferite al settore privato sono risultate 655mila, in aumento del 22,1% rispetto a gennaio

Licenziamento per altra attività svolta durante la malattia [Cassazione]

Con sentenza n. 6047 del 13 marzo 2018, la Corte di Cassazione, rinviando alla Corte di Appello di Genova, in diversa composizione, una causa concernente il licenziamento di un lavoratore che in stato

Risarcimento del danno per mobbing non continuativo [Cassazione]

Con sentenza n. 7844 del 29 marzo 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che il datore di lavoro “è tenuto ad evitare situazioni “stressogene” che diano origine ad una

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento