Posso detassare il premio risultato che non raggiunge i requisiti per la detassazione del 10%, qualora lo converta in welfare?

Posso detassare il premio risultato che non raggiunge i requisiti per la detassazione del 10%, qualora lo converta in welfare?

L’Agenzia delle Entrate, nella sua circolare n. 28/2016 (pagina 19 e 20), stabilisce che le agevolazioni previste dai commi 182 e ss. della legge 208/2015, al welfare sono applicabili esclusivamente qualora il Premio Risultato abbia i requisiti per poter essere detassato. Questo lo stralcio della circolare dell’Agenzia Entrate.

La norma non trova applicazione di conseguenza nei seguenti casi:

Conversione tra remunerazione monetaria e benefit prevista al di fuori delle condizioni stabilite per l’applicazione dell’imposta sostitutiva di cui al comma 182 della legge di Stabilità. Ad esempio nel caso in cui i beni e servizi siano erogati a dipendenti […] con reddito inferiore, nell’anno precedente quello di erogazione, ad euro 50.000 [leggasi 80.000] in sostituzione di premi non correlati ad incrementi di produttività, qualità ed efficienza. In tali casi i beni e servizi concorrono alla determinazione del reddito di lavoro dipendente, secondo le disposizioni di cui all’art. 51, comma 1, del TUIR.”.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 496 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cosa succede nel caso in cui l’azienda venga trovata con dei tirocinanti oltre il massimo consentito?

L’Accordo Stato/Regioni del 25 maggio 2017 fornisce le linee guida per i tirocini extracurriculari. Linee guida che sono in fase di recepimento da parte delle Regioni, deputate a disciplinare normativamente

A quanto ammonta il danno che causa un lavoratore, dimettendosi durante un rapporto a tempo determinato?

  Non esiste una norma che definisce il “danno” per l’azienda in caso di recesso anticipato ed unilaterale del lavoratore di un rapporto di lavoro a termine. Teoricamente dovrebbe essere

IndC onlus : resoconto del primo anno di attività e progetti futuri [Evento 2014]

Si svolgerà il 19 Dicembre prossimo, nella splendida cornice della penisola sorrentina, l’evento 2014 di “una mano sul cuore” organizzato dall’associazione In nome di Concetta Onlus  per  raccogliere fondi a favore

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento