Una ditta con un appalto con noi non ha pagato 2 mesi di lavoro ad un lavoratore, il dipendente vuole rivalersi su di noi per il TFR e il restante dovuto. Può farlo e in che misura?

Una ditta con un appalto con noi non ha pagato 2 mesi di lavoro ad un lavoratore, il dipendente vuole rivalersi su di noi per il TFR e il restante dovuto. Può farlo e in che misura?
image_pdfimage_print

L’articolo 29 del decreto legislativo 276/2003 stabilisce che in caso di appalto di opere o di servizi, il committente è obbligato in solido con l’appaltatore (datore di lavoro), entro il limite di 2 anni dalla cessazione dell’appalto, a corrispondere ai lavoratori i trattamenti retributivi, comprese le quote di trattamento di fine rapporto, nonché i contributi previdenziali e i premi assicurativi dovuti in relazione al periodo di esecuzione del contratto di appalto.

In particolare, faccio presente che rientrano nel TFR da corrispondere, quale soggetto solidale, esclusivamente le quote maturate dal dipendente dell’appaltatore per la specifica attività prestata in favore della ditta committente in esecuzione dell’appalto ed in concomitanza con il periodo di esecuzione dell’appalto medesimo.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 443 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quali sono i presupposti per instaurare un tirocinio non curriculare in Veneto?

In base a quanto previsto dal DGR 1324 del 23 luglio 2013, l’azienda, per instaurare un tirocinio in Veneto deve essere in regola con: la normativa di cui al D.lgs. 81/08 (“Testo

Quali sono le attività stagionali esonerate dalla durata massima nei contratti a tempo determinato?

Quando la normativa sul contratto a tempo determinato (articoli dal 19 al 29 del D.L.vo 81/2015) parla di attività stagionali, fa riferimento alle attività previste dal decreto del Presidente della

E’ possibile sottoscrivere un contratto di lavoro a tempo determinato indicando la causale connessa all’incremento dell’attività aziendale durante il periodo estivo? In questo modo si argina il limite del 20% e non si violano le nuove disposizioni?

Inserire una causale non è’ vietato. Per quel che concerne la stagionalità , occorre ricordare come l’attività per essere considerata come tale deve essere prevista dal DPR 1525/1963 o dalla

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento