Licenziamento ed indennità risarcitoria [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 331 del 10 gennaio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che in presenza di un licenziamento illegittimo determinato da una interdittiva prefettizia all’impresa per infiltrazioni mafiose, poi annullata dal giudice amministrativo, il lavoratore ha diritto alla tutela risarcitoria da 12 a 24 mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto, prevista dal comma 5, dell’articolo 18, della legge n. 300/1970.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 295 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

lavoratori in mobilità e ricollocazione in azienda con asset aziendali coincidenti [cassazione]

Con sentenza n. 13583 del 2 luglio 2015, la Corte di Cassazione ha confermato il mancato riconoscimento dei benefici contributivi in favore dell’impresa che assume lavoratori collocati in mobilità (articolo

Corte Europea di Giustizia: subappalto illecito transnazionale e contribuzione

Con sentenza n. C-359/16 del 6 febbraio 2018, la Corte Europea di Giustizia ha affermato che in presenza di un distacco transnazionale (nel caso di specie si trattava di subappalto

Licenziamento collettivo: precisare criteri adottati

La Fondazione Studi Consulenti del lavoro, in materia di reintegra a seguito di licenziamento collettivo, approfondisce la sentenza n. 19320 del 2016 emessa dalla Corte di Cassazione. Nell’ambito della procedura

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento