fbpx

Devo trasferire un dipendente all’estero. Richiedo l’autorizzazione all’Ispettorato territorialmente competente o a quello regionale?

Devo trasferire un dipendente all’estero. Richiedo l’autorizzazione all’Ispettorato territorialmente competente o a quello regionale?

Dal 24 settembre 2015 non è più richiesta l’autorizzazione preventiva ministeriale per l’impiego all’estero di personale da parte delle aziende (Decreto Legislativo n.151/2015).

A fronte di ciò, il contratto di lavoro dei lavoratori italiani da impiegare o da trasferire all’estero deve prevedere:

  • Un trattamento economico e normativo complessivamente non inferiore a quello previsto dal CCNL per la categoria di appartenenza del lavoratore.

                – Deve essere specificata, separatamente, l’entità delle prestazioni, in denaro o in natura, connesse con                       lo svolgimento all’estero del rapporto di lavoro.

  • La possibilità per il lavoratore di ottenere il trasferimento in Italia della quota di valuta trasferibile delle retribuzioni corrisposte all’estero
  • Un’assicurazione per ogni viaggio di andata nel luogo di destinazione e di rientro dal luogo stesso, per i casi di morte o di invalidità permanente
  • Il tipo di sistemazione logistica

         – le misure idonee in materia di sicurezza.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 695 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

È possibile utilizzare un contratto intermittente dopo un contratto a termine?

La fattibilità (o meno) del successivo contratto intermittente dopo un ordinario contratto a termine dipende dalla risposta alla seguente domanda: il motivo di stipulare un contratto a chiamata è dovuto

Un lavoratore deve rientrare in azienda dopo una assenza per malattia di 3 mesi, ho saputo che l’azienda non può farlo rientrare senza una visita medica di idoneità. È così?

Il D.L.vo n. 106/09 ha incrementato l’elenco delle visite mediche ricomprese nella disciplina della sorveglianza sanitaria, introducendo la lettera e-ter), al comma 2, dell’art. 41, del D.lgs. n. 81/08, stabilendo

In caso di contratto a chiamata previsto in base all’elemento soggettivo (età del lavoratore), la prestazione pùò essere resa entro i 25 anni di età?

No, per la precisione, la prestazione non può più essere resa al raggiungimento dei 25 anni, quindi l’ultima prestazione può essere resa a

1 Commento

  1. Barbara
    Gennaio 12, 09:52 Reply

    Salve dott. Camera, ho un quesito da porle.
    Ho un contratto di lavoro a tempo determinato per sostituzione maternità con scadenza il 31 marzo 2018.
    Nel caso in cui la collega decida di non rientrare a lavoro per quella data (gravidanza facoltativa, ferie..) e il mio datore di lavoro decida di prolungarmi il contratto, posso rifiutare e per non questo rinunciare alla disoccupazione.
    Grazie mille per la risposta.

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.