Somministrazione: nessun obbligo di indicare la motivazione

Così come per i contratti a termine diretti, anche per i rapporti in somministrazione, cambiano le regole relativamente alla possibilità di non prevedere la motivazione. Questa possibilità è stata disciplinata dal c.d. Jobs Act (Legge n. 78/2014), che ha liberalizzato l’obbligo motivazionale sia per il contratto di somministrazione che per le successive proroghe (vedasi anche la circolare n. 18/2014 del Ministero del Lavoro a). Detta liberalizzazione è piena e cioè riguarda tutti i contratti di somministrazione indipendentemente dalla loro durata.

Di diverso avviso il sito cliclavoro.gov.it (gestito dalla Direzione Generale dei sistemi Informativi, dell’innovazione tecnologica e della comunicazione del Ministero del Lavoro) che è rimasto a quanto previsto dalla Riforma Fornero e cioè il contratto acausale possibile soltanto in caso di prima missione tra utilizzatore e lavoratore di durata non superiore a 12 mesi.

*  A seguire circolare n. 18/2014 del Ministero del Lavoro

Visualizza Pdf  a schermo intero |

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1257 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Bonus Giovani Eccellenze: incentivo di assunzione diretto e in somministrazione

Platea Persone in possesso di uno dei seguenti titoli: laurea magistrale, ottenuta nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2018 e il 30 giugno 2019 con la votazione di 110

Cassazione, applicabilità al lavoro in somministrazione dei limiti alla indennità omnicomprensiva ex. art. 32 del Collegato Lavoro 2010 – Sentenza n. 21001/2014

Pubblichiamo la sentenza 6 ottobre 2014, n. 21001 della Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, nell’ambito della quale, ancora una volta, la Suprema Corte specifica che “L’indennità prevista dall’art. 32 legge n. 183/10 trova

L’Appalto di Servizi configura una somministrazione illecita se l’appaltatore si limita a gestire i lavoratori. Meglio ricorrere alle Agenzie per il Lavoro autorizzate.

Nell’appalto “endoaziendale” si configura l’intermediazione vietata di manodopera quando al committente è messa a disposizione una prestazione meramente lavorativa. Ciò anche se l’appaltatore non è una società fittizia, tuttavia si

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento