Indennità risarcitoria per licenziamento disciplinare contestato tardivamente [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 30985 del 27 dicembre 2017, le Sezioni Unite della Cassazione hanno affrontato la questione delle conseguenze legate alla illegittimità di un licenziamento disciplinare contestato ad oltre due anni da quando si erano svolti i fatti.

La decisione è intervenuta interpretando l’art. 18 della legge n. 300/1970.

Secondo le Sezioni Unite, la lettura dell’art. 18 non prevede mai la contestazione tardiva tra i vizi che portano alla reintegra nel posto di lavoro sia con riguardo al comma 1 (reintegra oltre al risarcimento non quantificato) che al comma 4 (reintegra oltre ad un risarcimento con un massimo di 12 mensilità).

Il fatto contestato in forte ritardo risulta, comunque, commesso e deve essere considerato, con la conseguenza che deve trovare applicazione una tutela indennitaria. Essa può essere, secondo il dettato normativo, più pesante, essendo compresa tra 12 e 24 mensilità, o più lieve, ove la stessa va da 6 a 12 mensilità.

La Corte afferma che l’indennità “attenuata” trova applicazione nelle violazioni meramente procedurali, cosa che non può ritenersi avvenuta nel caso di specie che consiste nella tardività della contestazione: di conseguenza, occorre riferirsi all’indennità risarcitoria compresa tra 12 e24 mensilità, atteso che occorre garantire al lavoratore, attraverso il rispetto della tempestività della contestazione, una difesa effettiva.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 296 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Contratti di solidarietà per le aziende non rientranti nel regime CIG (L. n. 236/1993) – Circolare n. 26/2014 [Ministero del Lavoro]

Il Ministero del Lavoro, con la Circolare n. 26/2014, ad integrazione della Circolare n. 20/2004, fornisce chiarimenti in merito alla procedura di concessione ed erogazione del contributo di solidarietà ai

Licenziamento per il lavoratore trovato a fumare [cassazione]

Con sentenza n. 14481 del 10 luglio 2015, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per giusta causa, comminato ad un lavoratore che non aveva rispettato il

Corte Europea di Giustizia: periodo di maternità e status di “lavoratrice”

La Corte Europea di Giustizia, con sentenza n. C-507/12 del 19 giugno 2014, ha affermato che può conservare lo status di «lavoratrice» la donna che smette di lavorare o di cercare

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento