Abbiamo previsto, nel nostro CCNL, dei permessi retribuiti (non istituzionalizzati dal CCNL) che potrebbero portare allo sgravio contributivo previsto dal Decreto sulla conciliazione vita-lavoro del 12 settembre 2017?

Abbiamo previsto, nel nostro CCNL, dei permessi retribuiti (non istituzionalizzati dal CCNL) che potrebbero portare allo sgravio contributivo previsto dal Decreto sulla conciliazione vita-lavoro del 12 settembre 2017?
image_pdfimage_print

Prima di richiedere le agevolazioni previste dal DM 12 settembre 2017, l’azienda deve verificare i seguenti requisiti fondamentali previsti dalla norma:

  • Si deve trattare di Contratti aziendali sottoscritti e depositati a decorrere dal 1° gennaio 2017.
  • L’accordo deve essere migliorativo rispetto al passato.
  • Al fine dell’ammissione al beneficio, le misure conciliative devono essere di almeno di 2 tipi, tra quelli indicate nel Decreto:

A) Area di intervento genitorialità

  • Estensione temporale del congedo di paternità, con previsione della relativa indennità;
  • Estensione del congedo parentale, in termini temporali e/o di integrazione della relativa indennità;
  • Previsione di nidi d’infanzia / Asili nido / Spazi ludico-ricreativi aziendali o interaziendali;
  • Percorsi formativi (e-learning / coaching) per favorire il rientro dal congedo di maternità;
  • Buoni per l’acquisto di servizi di baby sitting.

B) Area di intervento flessibilità organizzativa

  • Lavoro agile;
  • Flessibilità oraria in entrata e uscita;
  • Part-time;
  • Banca ore;
  • Cessione solidale dei permessi con integrazione da parte dell’impresa dei permessi ceduti.

C) Welfare aziendale

  • Convenzioni per l’erogazione di servizi time saving;
  • Convenzioni con strutture per servizi di cura;
  • Buoni per l’acquisto di servizi di cura.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 452 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Devo distribuire i 100 euro in welfare in un’azienda metalmeccanica. Se distribuissi buoni carburante farebbero cumulo con il pacco natalizio?

Devo distribuire i 100 euro in welfare in un’azienda metalmeccanica. Se distribuissi buoni carburante farebbero cumulo con il pacco natalizio? Sì. Sia il pacco regalo per le festività natalizie che

Dal 1 settembre verrà una ragazza, che ha lavorato fino ad oggi presso uno studio legale, ad occuparsi delle nostre pratiche legali e recupero crediti.

dal 1 settembre verrà una ragazza, che ha lavorato fino ad oggi presso uno studio legale, ad occuparsi delle nostre pratiche legali e recupero crediti. Ha la partita iva e

L’azienda presso la quale lavoro applica il CCNL che non disciplina l’apprendistato professionalizzante, così come modificato dal TU 167/2011; posso comunque assumere un apprendista con le vecchie regole ?

L’interpello n. 4/2013 del Ministero del Lavoro stabilisce che nel caso in cui il datore di lavoro applichi un contratto collettivo che non abbia disciplinato l’ apprendistato professionalizzante, è possibile

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento