Un’azienda, che applica il CCNL Alimentari , può non definire l’orario di un dipendente da assumere part-time?

Un’azienda, che applica il CCNL Alimentari , può non definire l’orario di un dipendente da assumere part-time?
image_pdfimage_print

Di default il part-time deve prevedere la collocazione temporale delle ore che verranno, giornalmente, effettuate dal lavoratore. Vedasi l’articolo 5, comma 2, DLvo 81/2015: “Nel contratto di lavoro a tempo parziale è contenuta puntuale indicazione della durata della prestazione lavorativa e della collocazione temporale dell’orario con riferimento al giorno, alla settimana, al mese e all’anno.”.

È possibile creare, all’interno del contratto individuale, la clausola elastica (con il Jobs act non esiste più il p.t. verticale o misto, ma un contratto a part-time generico), secondo la previsione e le maggiorazioni dell’articolo 20 del CCNL Alimentari.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Un lavoratore ha presentato le dimissioni la scorsa settimana ma, dopo un accordo con l'azienda di natura economica, vuole continuare a prestare la propria attività. Deve revocare le dimissioni?

No, non è necessario. Qualora non segua, alla procedura telematica di dimissioni, la comunicazione dell’azienda al centro per l’impiego, si da per assodata la continuazione del rapporto di lavoro.

Per quanto tempo va tenuta e conservata la documentazione del lavoro?

Il libro unico del lavoro deve essere conservato “per la durata di cinque anni dalla data dell’ultima registrazione” nel rispetto delle misure di garanzia e delle disposizioni di tutela previste

Devo attivare in Sardegna un tirocinio non curriculare. il divieto ad instaurare tirocini in caso di licenziamenti per GMO riguarda l’intera azienda o l’unità produttiva dove è avvenuto il licenziamento

In materia di tirocinio non curriculari, la Regione Sardegna, con la Delibera del 23 ottobre 2013, n. 44/11 (v. linee guida allegate – paragrafo 6, punto 3), ha stabilito che:

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento