Ministero del Lavoro: dati ISTAT relativi a occupati e disoccupati di ottobre 2017

image_pdfimage_print

ministero-del-lavoroIl Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, ha rilasciato il seguente commento sui dati ISTAT relativi a occupati e disoccupati di ottobre 2017:

“Anche per il mese di ottobre, i dati rilasciati oggi dall’ISTAT evidenziano una sostanziale stabilità del mercato del lavoro sul piano congiunturale, confermando la tendenza di medio-lungo periodo di crescita dell’occupazione in tutte le classi di età, con riferimento sia al dato annuale che a quello relativo al febbraio 2014.

Le variazioni in miglioramento nel medio-lungo periodo continuano a riguardare anche gli inattivi, che diminuiscono di 183mila in un anno e di 857mila da febbraio 2014, e i disoccupati, che risultano -140mila in un anno e -391mila da febbraio 2014.

Diminuisce anche il tasso di disoccupazione giovanile, che si attesta al livello più basso da giugno 2012.

Con gli incentivi previsti nella legge di bilancio per il 2018 contiamo di rafforzare ulteriormente questa tendenza, in particolare sostenendo le assunzioni di giovani con contratti di lavoro stabile“.

Fonte: Ministero del Lavoro

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Proroga della CIGS e della mobilità in deroga per il 2014 [INPS]

L’Inps ha emanato il messaggio n. 848 del 3 febbraio 2015, con il quale fornisce le istruzioni operative al Decreto Interministeriale (Lavoro – Economia) n. 87342/2015, che ha prorogato per l’anno

DURC on-line , pubblicato il Decreto di Semplificazione [Min. del Lavoro]

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze ed il Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale

I limiti del contratto a termine per le attività avviate durante l’anno (circ. 14974 Min. Lavoro)

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato la lettera circolare prot. 14974 del 1° settembre 2014, con la quale, rispondendo ad un quesito dell’ANCE, fornisce ulteriori chiarimenti in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento