Voucher: limiti più stringenti con la nuova normativa

image_pdfimage_print

voucher

Si avvicina il periodo natalizio e le imprese che sono intenzionate a ricorrere ad un aiuto nelle proprie attività lavorative come supporto per le festività potranno utilizzare i nuovi voucher per le prestazioni occasionali di lavoro. I paletti dati dal DL. 50/2017 (articolo 54bis) ha dei limiti più vincolanti rispetto alla disciplina del Dlgs 81/2015. Il nuovo contratto di prestazione occasionale è pensato per professionisti, lavoratori autonomi, imprenditori, associazioni, fondazioni e altri enti, pubbliche amministrazioni e imprese agricole, che nell’esercizio dell’attività d’impresa richiedono di prestazioni di lavoro discontinue e di ridotta entità, a patto che non abbiano più di 5 dipendenti a tempo indeterminato e che non si superi il tetto dei 5 mila euro di spesa.

Il Limiti del Contratto di prestazione occasionale

Il tetto annuale è fissato a 5 mila euro:

  • Ogni utilizzatore non può oltrepassare il tetto dei 5 mila euro di compensi in rapporto alla totalità dei prestatori;
  • Ciascun prestatore non può eccedere la quota dei 5 mila euro di compensi in riferimento alla totalità degli utilizzatori;
  • Il prestatore deve necessariamente rimanere sotto il tetto di 2.500 euro per le prestazioni complessive effettuate presso lo stesso utilizzatore, e in ogni caso non può sforare le 280 ore annue;
  • Nel caso di prestazioni eseguite da studenti, pensionati, disoccupati o cassintegrati, i compensi sono computati al 75%.

Il compenso minimo è di 36 euro per ogni giornata lavorativa, la misura minima del corrispettivo è di 9 euro per un’ora di prestazione lavorativa di cui:33%all’Inps ,3,5%all’Inail,1%degliimporti versati (compenso, INPS,  INAIL) per coprire gli oneri. Il Compenso non può essere al di sotto dei 36 euro anche nel caso di giornata lavorativa alle 4 ore continuative di lavoro. Per le aziende agricole, poi, è prevista una regolamentazione ad Hoc.

L’utilizzatore deve creare il proprio portafoglio per il pagamento delle prestazioni dopo essersi registrato sul sito INPS direttamente o tramite intermediari. Con l’accesso alla piattaforma è possibile fornire le informazioni identificative necessarie per gestire il rapporto di lavoro egli adempimenti contributivi. Il prestatore deve indicare l’Iban del conto corrente perché l’Istituto possa erogare il compenso pattuito.

  • L’utilizzatore deve registrare la propria provvista economica. Per alimentare il “portafoglio virtuale” deve versare le somme tramite F24 (sono necessari almeno sette giorni bancabili perché le somme siano disponibili) o tramite PagoPa (i tempi sono più ristretti e in alcuni casi le somme possono confluire in tempo reale).
  • È necessario che le somme siano contabilizzate e rese disponibili nella procedura. A contabilizzazione avvenuta, l’utilizzatore inserisce le prestazioni a cui vuole accedere.

Sanzioni per mancata comunicazione

Per la mancata comunicazione preventiva o per l’inadempienza delle regole di ricorso al lavoro occasionale le sanzioni vanno da 500 a 2.500 euro. La sanzione non è diffidabile ed è applicata per ogni giornata lavorativa per cui risulta la violazione. Senza la comunicazione preventiva di attivazione, la maxi-sanzione sul lavoro nero può essere evitata solo al presentarsi delle seguenti ipotesi, oltre alla mancanza del requisito della subordinazione:

  • non è stato superato limite di 280 ore, né i limiti economici;
  • la prestazione può essere considerata occasionale se ci sono precedenti prestazioni lavorative gestite correttamente.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

LODETTI (INAS) SU BREXIT

Con l’eventuale uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea “non ci saranno problemi per le pensioni degli italiani che lavorano in quel Paese, perché il criterio della totalizzazione dei contributi è

BOOM DEI VOUCHER

Nei primi dieci mesi del 2015 sono stati venduti oltre 91,8 milioni di voucher destinati al pagamento delle prestazioni di lavoro accessorio, del valore nominale di 10 euro, con un

CONFSAL UNSA SU TRIBUNALI

“I tribunali sono nel caos, serve un decreto legge”. A chiederlo Massimo Battaglia, segretario generale della Federazione Confsal-Unsa. “Ormai si tratta -spiega- di un’emergenza nazionale. Il caos di questi giorni

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento