fbpx

Il lavoro e le “quote rosa”

Il lavoro e le “quote rosa”

Nelle ultime 4 decadi il lavoro in Italia è cambiato sotto tutte le forme, ed il rapporto delle donne italiane con il lavoro è una di queste. Se negli anni settanta a portare lo stipendio a casa era solo una donna su tre (33,5%), oggi a lavorare è quasi una donna su due (48,1%). Le serie storiche dell’Istat, elaborate dall’Adnkronos, mostrano che tra il 1977 e il 2016 le lavoratrici sono aumentate del 54,9%, passando da 6,1 milioni a 9,5 milioni. Allo stesso tempo il numero delle donne inattive è crollato del 21,7%, passando da 11,2 milioni a 8,7 milioni.

Rispetto al totale degli occupati, che nel 1977 era di 19,5 milioni, la quota rosa arrivava al 31,5% mentre oggi, con un numero complessivo di occupati che è arrivato a quota 22,8 milioni, le donne hanno conquistato una fetta importante del mercato del lavoro, arrivando al 41,8%. Rispetto al totale del numero di persone occupate si registra un incremento di oltre 10 punti percentuali (+10,3).

Osservati da un altro punto di vista, i dati mostrano che gli uomini occupati, nello stesso periodo, sono rimasti sugli stessi livelli: erano 13,4 milioni negli anni settanta e sono passati a 13,2 milioni lo scorso anno. Rispetto al totale del numero di persone occupate hanno quindi perso terreno, passando dal 68,5% al 58,2%. Gli inattivi, nello stesso periodo, sono aumentati del 27,7%: erano 3,8 milioni e sono saliti a 4,9 milioni.

Fonte: Adnkronos

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

LAUREA PER OCCUPARSI

I laureati hanno maggiori probabilità di essere occupati, come dimostrano i dati: più dell’80% degli adulti laureati lavora, contro meno del 60% dei diplomati. Per di più i laureati riescono

SINDACATI: RINNOVATO CONTRATTO FIORI RECISI

“Il 22 giugno è stato firmato unitariamente con Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, il rinnovo del contratto nazionale di lavoro dei fiori recisi, scaduto il 31 dicembre 2015”. Ne dà

OCSE, OCCUPAZIONE IN AUMENTO

Nel secondo trimestre del 2015 il tasso di occupazione nell’area Ocse è rimasto stabile al 66,1%, inferiore dello 0,4% rispetto al secondo trimestre del 2008. Nell’area dell’euro l’occupazione è salita

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.