INPS: Gestione Agricoli Autonomi- avvisi bonari emissione anno 2016

image_pdfimage_print

inps_01L’INPS ha pubblicato il messaggio n. 4261 del 30 ottobre 2017, con il quale comunica che sono stati emessi gli avvisi bonari relativi all’emissione dell’anno 2016 per i coltivatori diretti, i coloni e mezzadri e gli imprenditori agricoli professionali.

Gli avvisi bonari sono a disposizione del contribuente o del suo delegato all’interno del Cassetto Previdenziale Autonomi in Agricoltura (di cui al messaggio n. 7381 del 10/12/2015) nella sezione “recupero crediti/avvisi bonari”.

Le comunicazioni contengono il prospetto con i dati relativi al residuo debito per i contributi previdenziali e assistenziali e per somme aggiuntive riferiti ai periodi richiesti con l’emissione dell’anno 2016.

Inoltre sono riportati i riferimenti per la compilazione del modello di pagamento F24 o per effettuare istanza telematica di rateazione.

Per i delegati è presente una lista che riporta l’elenco degli avvisi bonari emessi per i propri deleganti.

Qualora il contribuente avesse già effettuato il pagamento, potrà comunicarlo utilizzando l’apposita istanza presente nel Cassetto Previdenziale Autonomi in Agricoltura nella sezione “Comunicazione bidirezionale – Invio Comunicazioni”, modello “Pagamento effettuato”, tramite il quale si potrà allegare la copia del versamento o riportare gli estremi dello stesso.

In caso di mancato pagamento dell’avviso bonario, l’importo dovuto verrà richiesto tramite avviso di addebito con valore di titolo esecutivo.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 311 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Criteri distintivi per un contratto a progetto ( Cassazione )

La  Cassazione, con sentenza n. 22289 del 21 ottobre 2014, ha ribadito come ogni attività umana, economicamente rilevante, può essere oggetto sia di rapporto di lavoro subordinato che di lavoro autonomo e che

Riqualificazione del rapporto di lavoro e non applicazione della maxisanzione (Min. Lavoro)

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con la nota n.16920 del 9 ottobre 2014, ha fornito alcuni chiarimenti in merito all’applicazione della c.d. maxisanzione nell’ipotesi di riqualificazione, in sede ispettiva, di

Licenziamento per assenza ingiustificata [Corte di Cassazione – Sent. n. 25380 del 1 Dicembre 2014]

Con la sentenza n. 25380 del 1° dicembre 2014,la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per giusta causa, nei confronti di un lavoratore che non comunica tempestivamente le motivazioni del mancato rientro in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento