fbpx

Un contratto aziendale che prevede una Flessibilità oraria potrebbe portare uno sgravio contributivo come previsto dal Decreto interministeriale 12-9-2017 in materia di conciliazione vita-lavoro?

Un contratto aziendale che prevede una Flessibilità oraria potrebbe portare uno sgravio contributivo come previsto dal Decreto interministeriale 12-9-2017 in materia di conciliazione vita-lavoro?

Purtroppo non ci sono i requisiti per richiedere le agevolazioni previste dal Decreto interministeriale 12 settembre 2017, in quanto mancano alcuni elementi fondamentali previsti dalla norma:

  • Si deve trattare di Contratti aziendali sottoscritti e depositati a decorrere dal 1° gennaio 2017. (Presumo che il vostro contratto abbia una datazione antecedente).
  • L’accordo deve essere migliorativo rispetto al passato.
  • Al fine dell’ammissione al beneficio, le misure conciliative devono essere di almeno di 2 tipi, tra quelli indicati nel Decreto.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 683 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Per assumere un lavoratore americano specializzato, quali sono i requisiti previsti dalla normativa per bypassare i flussi annuali?

Vengono considerati altamente qualificati (Carta blu Ue – art. 27 quater) gli stranieri che sono in possesso: di un titolo di istruzione superiore rilasciato dall’autorità competente nel Paese dove è

[Assunzioni agevolate 2015] Un coadiutore familiare che si cancella dall’impresa familiare può usufruire della agevolazione? L’appartenenza a impresa familiare è paragonato a lavoro a tempo indeterminato?

  Da un punto di vista teorico si, ma se la cancellazione viene effettuata per essere assunto nell’impresa familiare o in una collegata, sarà quasi sicuramente oggetto di controlli da

L’azienda presso la quale lavoro invia propri rappresentanti all’estero, per mostrare i propri prodotti. Bisogna fare richiesta del modello A1?

  Se l’attività svolta dal personale inviato in trasferta è esclusivamente quella di rappresentanza, ritengo che non sia necessario. In questi casi potremmo considerarli come dei “visitatori” e non come

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.