Un contratto aziendale che prevede una Flessibilità oraria potrebbe portare uno sgravio contributivo come previsto dal Decreto interministeriale 12-9-2017 in materia di conciliazione vita-lavoro?

Un contratto aziendale che prevede una Flessibilità oraria potrebbe portare uno sgravio contributivo come previsto dal Decreto interministeriale 12-9-2017 in materia di conciliazione vita-lavoro?
image_pdfimage_print

Purtroppo non ci sono i requisiti per richiedere le agevolazioni previste dal Decreto interministeriale 12 settembre 2017, in quanto mancano alcuni elementi fondamentali previsti dalla norma:

  • Si deve trattare di Contratti aziendali sottoscritti e depositati a decorrere dal 1° gennaio 2017. (Presumo che il vostro contratto abbia una datazione antecedente).
  • L’accordo deve essere migliorativo rispetto al passato.
  • Al fine dell’ammissione al beneficio, le misure conciliative devono essere di almeno di 2 tipi, tra quelli indicati nel Decreto.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 491 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quali sanzioni sono previste in caso di inadempienza all’ obbligo formativo ?

Il mancato assolvimento dell’ obbligo formativo , tale da pregiudicare le finalità dell’istituto e di cui sia esclusivamente responsabile il datore di lavoro, comporta il pagamento del doppio della differenza

Per non avere problemi con un distacco tra lavoratori di aziende di un gruppo di imprese, dobbiamo creare un contratto di rete. È così?

Per evidenziare la genuinità del distacco di lavoratori tra aziende dello stesso gruppo, non è necessario il contratto di rete. Il Ministero del Lavoro, nell’interpello n.1/2016 (vedi allegato) evidenzia come

L’azienda presso la quale lavoro applica il CCNL che non disciplina l’apprendistato professionalizzante, così come modificato dal TU 167/2011; posso comunque assumere un apprendista con le vecchie regole ?

L’interpello n. 4/2013 del Ministero del Lavoro stabilisce che nel caso in cui il datore di lavoro applichi un contratto collettivo che non abbia disciplinato l’ apprendistato professionalizzante, è possibile

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento