Possiamo applicare al premio di risultato le disposizioni che evidenziano la completa detassazione e decontribuzione del premio stesso?

Possiamo applicare al premio di risultato le disposizioni che evidenziano la completa detassazione e decontribuzione del premio stesso?
image_pdfimage_print

La detassazione e la decontribuzione potranno avvenire qualora il CCAL preveda la sostituzione del premio di risultato attraverso un piano welfare. Le caratteristiche del premio di risultato dovranno seguire le specifiche previste:

  1. dalla Legge n. 208/2015 (commi dal 182 al 191), così come modificato dalla Legge n. 232/2016 (commi dal 160 al 162)
  2. dal Decreto Interministeriale 25 marzo 2016
  3. dalla circolare n. 28/E/2016 dell’Agenzia delle Entrate

Il CCAL deve prevedere, per quanto riguarda il premio di risultato, criteri di misurazione e verifica degli incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione. Il tutto rispetto ad un periodo congruo definito dall’ accordo, il cui raggiungimento sia verificabile in modo obiettivo attraverso il riscontro di indicatori numerici o di altro genere appositamente individuati.

In pratica, vanno valutati 3 elementi fondamentali che devono essere definiti nell’accordo:

  1. Tipologia delle somme:
    1. somme, ad ammontare variabile, erogate a fronte di incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione,
    2. somme corrisposte sotto forma di partecipazione agli utili dell’impresa,
  2. In caso di Premi di Risultato, gli incrementi devono essere misurabili e verificabili, attraverso il riscontro di indicatori numerici o di altro genere appositamente individuati, ad esempio:
  • Aumento della produzione
  • Risparmi dei fattori produttivi
  • Miglioramento della qualità dei prodotto e dei processi
  • Riorganizzazione dell’orario di lavoro no straordinario
  • Ricorso al lavoro agile quale modalità flessibile di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato
  1. La misurazione va fatta rispetto ad un periodo congruo definito dell’accordo collettivo.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Una signora, iscritta regolarmente all’ albo degli architetti, da febbraio collabora con noi come libero professionista a fattura. Quest’anno fatturerà circa l’80% con noi. Cosa ci possono contestare?

Si tratta di una signora, iscritta regolarmente all’ albo degli architetti, che da febbraio collabora con noi come libero professionista a fattura.  Cura una parte della manualistica, le fiere e

Ho un lavoratore a tempo determinato che ha superato i 6 mesi ed ha acquisito il diritto di precedenza. Dovendo fare una nuova assunzione a tempo indeterminato, devo assumere questo lavoratore e non potrò richiedere l’agevolazione Renzi?

Il lavoratore acquisisce il diritto di precedenza esclusivamente alla cessazione di un rapporto di lavoro ordinario a Tempo Determinato e dopo che ha confermato, per iscritto, la volontà di avvalersi

Per avvalermi di un lavoratore autonomo occasionale, ai sensi dell’art. 2222 cc. Devo stipulare un contratto di lavoro?

Per quanto la normativa non preveda l’obbligo della stipula di un contratto scritto tra le parti, è consigliabile formalizzare (ad probationem) il rapporto di lavoro con un “contratto di prestazione

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento