fbpx

Draghi: “mezzo milione di occupati in più con un contratto a tempo indeterminato con il Jobs Act”

Draghi: “mezzo milione di occupati in più con un contratto a tempo indeterminato con il Jobs Act”

Il presidente della Banca Centrale, Mario Draghi, è intervenuto a margine dell’incontro sulle “Riforme strutturali nell’area dell’euro”, tenutosi a Francoforte, esprimendosi favorevolmente sulle riforme attuate dall’Italia: “Anche le agevolazioni fiscali rafforzano l’efficacia delle riforme strutturali. E’ stato il caso ad esempio del ‘Jobs act’ del 2015 in Italia che è stato seguito da un aumento di quasi mezzo milione di occupati in più con un contratto a tempo indeterminato, in gran parte a seguito delle agevolazioni alle imprese che assumevano con i nuovi contratti a tutele crescenti”.

“Un certo numero di Paesi, negli ultimi anni, ha attuato riforme del mercato del lavoro che hanno contribuito a ridurre la disoccupazione – evidenzia il presidente Draghi – Ciò è stato in modo maggiormente visibile in Spagna e in Portogallo ma anche in Italia. Queste riforme sembrano aver reso la disoccupazione più reattiva alla crescita”.

Poi aggiunge che le riforme strutturali “rappresentano uno dei fattori principali che spiegano questi sviluppi positivi ma naturalmente anche le politiche finanziarie e macroeconomiche di sostegno sono state vitali”.

Sulla crisi economica che ha colpito il Vecchio Continente dice: “ha confermato che le economie più flessibili sono più resilienti, soprattutto quelle dei Paesi che fanno parte di un’unione monetaria”. Sottolinea, poi, l’esigenza “di mettere in pratica le lezioni su come progettare e implementare le riforme in modo da massimizzare i vantaggi e ridurre al minimo i costi nel breve termine”.

Per il presidente della Bce le riforme “devono tener conto di equità ed efficienza”. Con la politica monetaria “accomodante” attuata dalla Bce, conclude Draghi, “abbiamo ora una finestra di opportunità per adottare queste misure”.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

FABI SU ASSUNZIONI NELLE BANCHE

Nonostante la congiuntura sfavorevole, dal 2008 al 2014 sono stati assunti a tempo indeterminato nelle banche 40.106 giovani, grazie soprattutto ad accordi raggiunti dalle organizzazioni sindacali di categoria con le

LICENZIAMENTO, E DOPO?

La questione non è la possibilità o meno di licenziare più o meno facilmente e nemmeno la tipologia della sanzione in caso di licenziamento illegittimo. La riforma del mercato del

CALLIPO (CONFSAL SALFI) SU PRODUTTIVITÀ

“L’implementazione della produttività, in termini quantitativi, ma soprattutto qualitativi, è direttamente ascrivibile, in molti casi, e quindi dipendente da una diminuzione dell’orario lavorativo. Lavorare meno non solo abbatte lo stress,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.