CCNL operai agricoli: Fai, Flai e Uila approvano piattaforma

CCNL operai agricoli: Fai, Flai e Uila approvano piattaforma

Approvata, nella giornata di ieri, l’ipotesi di piattaforma per il rinnovo del CCNL degli operatori agricoli e florovivaisti. Infatti, Fai, Flai e Uila, hanno anticipato l’approvazione prima della scadenza del 31 dicembre 2017.

Giovanni Mininni, segretario nazionale della Flai Cgil ha indicato alcuni punti della Piattaforma e alcuni dati del comparto. “L’agricoltura – asserisci Mininni – è un settore che in questi anni di crisi è stato comunque punto di riferimento per l’economia italiana, penso ai numeri positivi del valore della produzione (51 miliardi di euro), dell’export (38,4 miliardi di euro nel 2016) e della stessa occupazione, con un aumento del numero degli operai agricoli dipendenti (oltre 1 milione) e delle giornate lavorate. Questi dati sostanziano la necessità di una contrattazione sempre più diffusa e da valorizzare, usando tutti gli strumenti a disposizione”.

“In questa piattaforma – continua Mininni – chiediamo di dare un nuovo ruolo alla bilateralità territoriale (EBAT/casse extra-legem) rispetto a quanto previsto dall’art. 8 della legge 199/2016, attivando convenzioni con Rete del Lavoro Agricolo di Qualità e spingendo per la creazione delle Sezioni territoriali; crediamo che sia necessario armonizzare le classificazioni del personale, previste dai Contratti Provinciali di Lavoro (CPL), a livello regionale, e chiediamo di escludere dagli appalti le attività manuali ed applicare ai lavoratori delle aziende appaltatrici il CCNL Operai Agricoli e Florovivaisti e i CPL”.

“Questi rappresentano per noi alcuni elementi qualificanti. Di particolare rilievo è, inoltre, – evidenzia il sindacalista – l’articolo introdotto a tutela per le lavoratrici vittime di violenza di genere con percorsi di reinserimento nella vita lavorativa e sociale. E non ultime le richieste di aumento salariale, pari a + 4% per il biennio 2018/2019, che tutela i redditi dei lavoratori; richieste che ci sembrano congrue all’andamento del settore”. “Tuttavia – conclude Mininni – questa fase di rinnovo è per noi caratterizzata anche da un elemento di criticità: i CPL sono scaduti da 21 mesi (31.12.2015) ed in alcune regioni o territori non sono stati ancora rinnovati; questo elemento va rapidamente recuperato per evitare una sovrapposizione dei livelli di contrattazione e tutelare la retribuzione dei lavoratori”.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Agricoltura: esonero contributivo per coltivatori e imprenditori

Nella bozza della Legge di Stabilità 2017, in corso di approvazione, sono previste delle misure nel settore dell’agricoltura per l’anno 2017 per promuovere nuove forme di imprenditoria. In particolare essa

Codici tributo per la compensazione dei crediti d’imposta per le imprese del settore agricolo [Agenzia Entrate]

L’Agenzia delle Entrate ha emanato la risoluzione n. 27/E del 20 aprile 2016, con la quale comunica l’istituzione dei codici tributo per l’utilizzo in compensazione, mediante il modello F24, dei crediti

Agricoltura: il paradosso dei Fondi europei, alla mafia invece che agli agricoltori

Nell’iter burocratico per l’assegnazione dei Fondi Europei per l’agricoltura a volte si creano dei circoli viziosi che hanno il sapore di veri e propri paradossi. Fondi europei destinati alle aziende

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento