fbpx

Lavoro: per incentivare il lavoro stabile, contratti precari più cari

Lavoro: per incentivare il lavoro stabile, contratti precari più cari

Spunta l’ipotesi di rincarare il costo dei contratti a tempo, con l’obiettivo di incentivare le assunzioni stabili. È quanto si apprende da ambienti vicini al dossier. La misura potrebbe trovare spazio in manovra, ma viene spiegato che ancora non sono state prese decisioni.

Si tratterebbe di un rialzo dell’aliquota contributiva aggiuntiva (1,4%) prevista nei contratti a tempo determinato e oggi destinata alla Nuova assicurazione sociale per l’impiego (Naspi). Così il rapporto di lavoro a termine diventerebbe meno conveniente a vantaggio di quello a tempo indeterminato.

L’aggravio contributivo sul contratto a tempo determinato dovrebbe quindi agire come deterrente, spingendo le imprese verso rapporti di lavoro ‘fissi’. In un momento, come certificato dall’Inps, la quota delle assunzioni stabili non fa che diminuire, a fronte di una crescita netta di quelle a termine. Il rincaro del contratto a tempo è stato anche suggerito dai sindacati, che si stanno confrontando con il Governo sia sui temi della previdenza che del lavoro. Il tema non è stato ancora oggetto di approfondimento ma c’è chi propone un rialzo deciso dell’aliquota aggiuntiva dell’1,4%, anche raddoppiandola.

Fonte: Il Mattino

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

POLETTI SU FLESSIBILITÀ PENSIONI

“Abbiamo un elenco di cose all’ordine del giorno, c’è il tema della previdenza in discussione, sono convinto che con la legge di Stabilità riusciremo a realizzare un intervento sulla flessibilità”

EU-OSHA: CAMPAGNA PER AMBIENTI DI LAVORO SANI E SICURI

Al via la nuova campagna europea Ambienti di lavoro sani e sicuri per il biennio 2016-2017 ‘#EUhealthyworkplaces ad ogni età’, lanciata da Eu-Osha. Una campagna destinata all’attenzione di imprese pubbliche

CGIL-CISL-UIL SU POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Si è svolta ieri, a Roma, presso l’Auditorium di via Rieti, un’iniziativa nazionale unitaria di Cgil, Cisl e Uil sulle politiche attive del lavoro, dal titolo ‘Rete dei servizi per

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento