Poletti: “per il lavoro al Sud decontribuzione del 100%”

Poletti: “per il lavoro al Sud decontribuzione del 100%”

Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti spiega, a margine delle Giornate del Lavoro della Cgil, che è allo studio una decontribuzione del 50% per le aziende che assumono giovani, che potrà diventare del 100% nelle zone del Mezzogiorno, “è sicuramente una strada, in un ventaglio più ampio di strumenti e di azioni, dagli investimenti al sostegno all’occupazione”.

Questi sgravi fiscali del 100% per il Sud “sono una possibilità perché per il Sud ci sono strumenti specifici di decontribuzione: vedremo se riusciremo a combinare questi strumenti per avere questi risultati” ribadisce il ministro.

“È una delle strade perché abbiamo bisogno di lavorare per l’occupazione dei giovani”, sottolinea Poletti. Il Governo, in un quadro molto più ampio, vorrebbe adottare una soluzione di questo tipo perché: “Pensiamo che assieme a questo serve un ventaglio di strumenti. C’è tutto il sistema della formazione: vogliamo stabilizzare lo strumento dell’apprendistato duale. E vogliamo fare in nodo che le imprese che hanno fatto investimenti per Industria 4.0 possano investire anche sulla formazione del personale per rendere queste aziende più competitive”.

“Quindi – dichiara il capo di dicastero, intervenendo a Lecce per le ‘Giornate del lavoro’ organizzate dalla Cgil – c’è un ventaglio di azioni che vanno dagli investimenti al sostegno dell’occupazione e che bisogna costruire tutte insieme: in legge di Bilancio faremo tutto il possibile perché queste misure garantiscano una spinta alla ripresa che c’è e che si sta dimostrando già in una misura importante». Sta di fatto che, per i giovani al Sud, in un contesto difficoltoso le soluzioni possono essere le decontribuzioni. Senza però dimenticare che per essere efficaci si deve operare per renderle strutturali.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento