Licenziamento e previsione del CCNL [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 21062 dell’11 settembre 2017, la Corte di Cassazione, riformando una decisione della Corte di Appello e riferendosi ad un procedimento anteriore alla riforma dell’art. 18 intervenuta il 18 luglio 2012 con la legge n. 92/2012, ha affermato che in tema di giusta causa di licenziamento, ai fini della valutazione della gravità della condotta contestata, occorre tenere conto della previsione del CCNL.

Nel caso di specie il lavoratore era stato licenziato da un’azienda metalmeccanica in quanto aveva motivato che il proprio giorno di assenza scaturiva dalla necessità di assistere la figlia malata, mentre, invece, si era recato presso lo stabilimento per partecipare ad un referendum sindacale: l’impresa aveva ritenuto che fosse venuto meno il vincolo fiduciario ed aveva proceduto al licenziamento, mentre il CCNL, richiamato dalla Corte, prevedeva un giorno di sospensione.

 

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Direttiva Agenzia delle Entrate sui controlli : indagini finanziarie ridotte .

L ‘utilizzo delle indagini finanziarie soltanto nell’ipotesi in cui vi siano elementi che fanno ipotizzare una evasione rilevante: più in generale i dati che hanno questa natura andranno esaminati tenendo

Modifiche alla disciplina IRAP : le risposte dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 22 del 9 giugno 2015, fa il punto sulle questioni interpretative sollevate dalle associazioni di categoria in materia di deducibilità del costo del lavoro dalla

MISE: agevolazioni in favore della nuova imprenditorialità giovanile e femminile

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato la circolare del direttore generale per gli incentivi alle imprese 25 luglio 2017, n. 90954, con la quale sono state apportate modifiche e

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento