Lavoro: aumentano l’occupazione ma l’80% è a termine, bene la somministrazione

Lavoro: aumentano l’occupazione ma l’80% è a termine, bene la somministrazione
image_pdfimage_print

Nel secondo trimestre di quest’anno il trend positivo dell’ occupazione prosegue con buoni ritmi. L’ occupazione è in netto aumento mentre la disoccupazione è in calo. Secondo i dati dell’ Istat l’ occupazione stimata dall’indagine sulle forze di lavoro, al netto degli effetti stagionali, è pari a 22 milioni 985 mila persone, con un incremento di 78 mila unità (+0,3%) in relazione ai tre mesi che precedono, merito dell’ulteriore aumento dei dipendenti (+149 mila, +0,9%). Ma oltre l’80% dei contratti sono a termine. (+123 mila, +4,8%). In relazione al secondo trimestre dello scorso anno, si stima una crescita di 153 mila occupati (+0,7%), che riguarda soltanto i dipendenti (+356 mila, +2,1%), oltre tre quarti dei quali a termine (+278 mila, +11,2%). Il tasso di occupazione sale al 57,8% (+0,2 punti percentuali); l’incremento è più accentuato per i 50-64enni (+0,4 punti) in confronto ai 35-49enni e ai 15-34enni (+0,2 e +0,1 punti, rispettivamente).

A conti fatti l’ incremento congiunturale del numero di occupati è il risultato di un sostanziale aumento dei dipendenti (+149 mila, 0,9%), dovuto in oltre otto casi su dieci alla crescita di quelli a tempo determinato; spicca, invece, la diminuzione del numero degli indipendenti (-71 mila, -1,3%). Per quanto riguarda i dati di genere l’aumento è trasversale e interessa sia uomini che donne, caratterizza soprattutto il Mezzogiorno (+0,7%) e il Nord (+0,3%) a fronte della stabilità nel Centro. Il tasso di disoccupazione scende per il secondo trimestre consecutivo attestandosi all’11,2% (-0,4 punti). Il tasso di inattività sale al 34,7% (+0,1 punti), dopo la diminuzione nei due precedenti trimestri.

Nei comparti dell’industria e dei servizi i contratti di lavoro dipendente sono aumentate dell’1,1% su base congiunturale e del 3,1% su base annua; nel totale il monte ore lavorate è cresciuto dello 0,9% rispetto ai tre mesi precedenti e del 3,1% in rapporto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Le ore lavorate pro capite sono rispettivamente cresciute dello 0,2% e diminuite dello 0,7%. Parallelamente le ore di cassa integrazione (Cig) sono scese da 12,6 a 6,9 per mille ore lavorate.

Le posizioni in somministrazione continuano la propria crescita, infatti, registrano un aumento del 4% in termini congiunturali e del 22,2% su base annua. Il tasso di posti scoperti nelle aziende con almeno 10 dipendenti subisce un incremento di 0,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 0,3 su base annua.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

UIL: “GOVERNO PEGGIOR DATORE DI LAVORO”

“Se neanche questa volta rispondono, allora si darà una spallata”: parole ferme quelle del segretario della Uil, Barbagallo, all’indomani dell’annuncio della mobilitazione, indetta dalle federazioni di categoria del pubblico impiego,

CNI SU DOMANDA LAUREATI INGEGNERIA

Il leggero miglioramento della congiuntura economica italiana, a metà del 2015, ha coinciso con una lieve e incoraggiante ripresa di tono della domanda e dell’offerta di figure professionali con laurea

007, GIOVANI CONTRO LE CYBER MINACCE

Le capacità dei giovani sono decisive per contrastare le cyber-minacce nel lavoro di intelligence. Per questo i servizi segreti hanno individuato trenta esperti di cibernetica, economia, energia, e anche qualcuno

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento