Quali sono gli effetti della malattia sul rapporto di lavoro?

image_pdfimage_print

Il lavoratore è assente giustificato e ciò, di conseguenza, comporta l’impossibilità del licenziamento durante l’evento morboso nei limiti del periodo di conservazione del posto, determinato dalla contrattazione collettiva. Fa eccezione (art. 1, comma 40 e 41 della legge n. 92/2012) il licenziamento per giustificato motivo oggettivo al termine della procedura obbligatoria prevista dall’art. 7 della legge n. 604/1966. Il lavoratore ha diritto a percepire un trattamento economico sostitutivo nella misura determinata dalla legge od integrata dai CCNL.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Per l’integrazione del numero di telecamere in azienda devo richiedere una nuova autorizzazione?

Dopo aver richiesto l’autorizzazione all’ispettorato del lavoro per il montaggio e l’utilizzo di telecamere all’interno dell’azienda, ci troviamo a dover integrare dette telecamere con altre in zone diverse. Dobbiamo obbligatoriamente

Ho licenziato un lavoratore per giustificato motivo oggettivo, devo pagare il cosidetto contributo Aspi ?

Sì, il contributo Aspi , per l’anno 2015, è pari a 490,10 euro per ogni anno di lavoro effettuato fino ad un massimo di 3 anni (l’importo massimo del contributo è

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento