La sentenza viene superata dall’accordo conciliativo [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon la sentenza n. 20006 dell’11 agosto 2017, la Corte di Cassazione ha chiarito che con la firma del verbale di conciliazione viene a cessare la materia del contendere, sconfessando, qualora presente, anche una eventuale sentenza emessa in data precedente al verbale stesso.

I giudici della Suprema Corte hanno così rigettato il ricorso di un lavoratore che tra la sentenza di primo grado, con la quale aveva ottenuto il diritto alla reintegrazione del posto di lavoro, e l’appello aveva sottoscritto, con l’azienda, un verbale di conciliazione in sede sindacale (art. 411 c.p.c.), con il quale accettava un incentivo all’esodo e rinunciava ad impugnare il recesso. Con l’accordo raggiunto, la Corte d’appello dichiarava cessata la materia del contendere. A questo punto, il lavoratore, nonostante l’accettazione dell’incentivo all’esodo e la rinuncia ad impugnare il licenziamento, si era rivolto alla Suprema Corte per ricevere la contribuzione riferita alla sentenza di reintegra.

Il rigetto della Corte di Cassazione evidenzia come gli impegni presi con il verbale di conciliazione avevano fatto sì che la sentenza di primo grado dovesse considerarsi completamente superata dal nuovo e definitivo assetto di interessi che le parti avevano scelto di dare alla controversia.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

ISTAT: occupati e disoccupati – maggio 2018

Pubblichiamo la nota mensile dell’Istat, del 2 luglio 2018, sull’andamento dell’occupazione in Italia a maggio 2018. A maggio 2018 la stima degli occupati registra un sensibile aumento (+0,5% rispetto ad aprile, pari a

Decreto Legge in materia di Ammortizzatori sociali e Pensioni [Governo]

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, nella seduta n. 64 del 18 maggio 2015, un decreto legge in materia di ammortizzatori sociali e di pensioni che dà, tra l’altro, attuazione alla recente

Inps, indennità di tirocinio nell’ambito del Piano Italiano di attuazione della “Garanzia Giovani” – Mess. n. 6789/2014

In adempimento del Piano “Garanzia Giovani”, alcune Regioni hanno manifestato la volontà di affidare all’Inps l’erogazione dell’ indennità di tirocinio : l’Istituto – con il messaggio n. 6789/2014 – pubblica l’apposito schema

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento