Prestazioni occasionali, i primi dati sul servizio online dell’INPS

image_pdfimage_print

inps_fbL’INPS informa che, dopo circa 45 giorni di operatività, sono oltre 27mila gli utenti che si sono registrati al servizio online per la gestione delle prestazioni occasionali.

I versamenti effettuati dagli utilizzatori hanno superato l’importo di 4 milioni di euro, di cui 362.000 per il libretto famiglia e 3.833.000 euro per il contratto di lavoro occasionale. Ad agosto, oltre l’80% dei pagamenti di prestazioni (effettuati direttamente dall’INPS su base mensile) è stato realizzato con accredito su carta di credito ovvero in conto corrente. Una volta effettuata la registrazione in piattaforma, il lavoratore non deve svolgere alcun altro adempimento e riceve ogni comunicazione relativa alla sua attività lavorativa sul suo indirizzo di posta elettronica o tramite sms sul telefono.

L’utilizzatore, invece, dopo la registrazione, deve effettuare solo una comunicazione relativa allo svolgimento della prestazione lavorativa, operazione che richiede pochi minuti e che può essere svolta utilizzando il Contact center dell’Istituto che, in tempo reale, svolge detta attività per conto dell’utilizzatore.
A settembre saranno rese disponibili nuove funzionalità, tra cui  quella che consente alle aziende agricole di effettuare la comunicazione di svolgimento della prestazione lavorativa su un arco temporale di tre giorni, piuttosto che su un solo giorno.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

ISTAT: dati occupazione – settembre 2018

Pubblichiamo la nota mensile dell’Istat, del 31 ottobre 2018, sull’andamento dell’occupazione in Italia ad settembre 2018. Dopo l’aumento del mese scorso, la stima degli occupati a settembre 2018 torna a calare leggermente

Agenzia Entrate: informazioni per i soggetti titolari di partita IVA

L’ Agenzia delle Entrate ha emanato il provvedimento n. 57490/E del 24 marzo 2017, con la quale, al fine di introdurre nuove e più avanzate forme di comunicazione tra l’Amministrazione

Erogazione mensile del tfr in busta paga: ecco come esercitare l’opzione

Il D.P.C.M. n.29/2015, pubblicato in G.U. n.65 del 19 marzo 2015 contiene il regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di liquidazione del “TFR come parte integrante della retribuzione”

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento