Nella tessera prevista per le aziende che entrano nei cantieri deve esserci il nome del presidente/rappresentante legale? È obbligatorio?

Nella tessera prevista per le aziende che entrano nei cantieri deve esserci il nome del presidente/rappresentante legale? È obbligatorio?
image_pdfimage_print

Il Decreto Legislativo n. 81/2008 stabilisce (articolo 18, comma 1, lett. u) che “nell’ambito dello svolgimento di attività in regime di appalto e di subappalto, munire i lavoratori di apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l’indicazione del datore di lavoro”.

All’art. 26, comma 8, del medesimo decreto, il legislatore prevede che “Nell’ambito dello svolgimento di attività in regime di appalto o subappalto, il personale occupato dall’impresa appaltatrice o subappaltatrice deve essere munito di apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l’indicazione del datore di lavoro”.

In entrambe le disposizioni, non viene fatta alcuna precisazione relativamente l’obbligatorietà circa l’indicazione del legale rappresentante/presidente.

Lo stesso Ministero del Lavoro, con la circolare n. 29/2006, ha precisato che “I dati contenuti nella tessera di riconoscimento devono consentire l’inequivoco ed immediato riconoscimento del lavoratore interessato e pertanto, oltre alla fotografia, deve essere riportato in modo leggibile almeno il nome, il cognome e la data di nascita. La tessera inoltre deve indicare il nome o la ragione sociale dell’impresa datrice di lavoro.” Da ciò, si evidenzia che la sola ragione sociale è sufficiente quale indicazione della ditta datrice di lavoro.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Come è l’istituto delle ferie per i lavoratori domestici ?

L’art. 18 del CCNL prevede per ogni anno di servizio presso lo stesso datore di lavoro, ferie pari a 26 giorni lavorativi, a prescindere dalla durata e dalla dislocazione oraria

Voglio dare una somma (500 euro) ai miei dipendenti che hanno familiari non autosufficienti. Sono considerati esenti da un punto di vista fiscale?

Ritengo che le somme erogate in contanti che non siano date quale rimborso a spese sostenute dai lavoratori per i propri familiari non autosufficienti (art. 51, comma f-ter, TUIR), rappresentino

Quali sono le modalità di calcolo del tempo massimo di lavoro giornaliero?

La modalità di calcolo è stabilita dal contratto collettivo di riferimento dell’azienda (art. 4, comma 1, Dlvo 66/2003), per cui vi possono essere differenze tra aziende di settori diversi. Sicuramente,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento