Pil: trend positivo nel secondo trimestre +0,4%, crescita dell’1,5% su base annua

Pil: trend positivo nel secondo trimestre +0,4%, crescita dell’1,5% su base annua

Nel periodo Aprile-Giugno del 2017 il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con riferimento all’anno 2010,  corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, ha subito un aumento dello 0,4% rispetto ai tre mesi precedenti e dell’ 1,5% se confrontato al secondo trimestre dell’anno precedente (2016). A Rilevarlo lo studio dell’Istat sul secondo trimestre del 2017, che ha avuto tre giorni lavorativi in meno dei tre mesi precedenti e due giornate lavorative in meno in riferimento al secondo trimestre del 2016.

La variazione congiunturale Istat, spiega l’Istituto previdenziale, è la sintesi di un incremento del valore aggiunto nei settori dell’industria e dei servizi e di una riduzione nel settore dell’agricoltura. Dal lato della domanda, si registra un apporto positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un circoscritto contributo negativo della componente estera netta. Nello stesso periodo, ricorda l’istituto di statistica, il Pil è aumentato in termini congiunturali dello 0,6% negli Stati Uniti, dello 0,5% in Francia e dello 0,3% nel Regno Unito. In termini tendenziali, si è registrato un aumento di 2,1 punti percentuali negli Stati Uniti, dell’1,8% in Francia e dell’1,7% nel Regno Unito.

Prendendo in considerazione il periodo prima della crisi, nel 2008, il livello del Pil italiano raggiunto nel secondo trimestre del 2017 resta più basso di oltre il 6%. Nel primo trimestre del 2008, infatti, il prodotto interno lordo trimestrale si era spinto al massimo dell’espansione a 424.824 milioni di euro e le ultime stime preliminari lo indicano a 397.458 nel secondo trimestre 2017.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

COMUNE DI SARONNO: CONCORSO PER ISTRUTTORI EDUCATIVI

L’Istituzione Comunale “Mons. Pietro Zerbi” ha indetto una selezione pubblica, per titoli ed esami, per la copertura di 6 posti a tempo indeterminato (con orario part-time a 18 ore) per il profilo

PIANO POLITICHE ATTIVE

Il ministro del Lavoro Poletti e gli assessori regionali hanno fatto il punto su Garanzia Giovani e sul rafforzamento delle politiche attive. Il programma è avanti rispetto ai target di

BOERI SU PENSIONI

“Ogni Paese deve essere responsabile della sua parte di pensione” perché “se un lavoratore ha impiegato dieci anni di attività in quel Paese è questo che si deve fare carico

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento