Pil: trend positivo nel secondo trimestre +0,4%, crescita dell’1,5% su base annua

Pil: trend positivo nel secondo trimestre +0,4%, crescita dell’1,5% su base annua
image_pdfimage_print

Nel periodo Aprile-Giugno del 2017 il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con riferimento all’anno 2010,  corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, ha subito un aumento dello 0,4% rispetto ai tre mesi precedenti e dell’ 1,5% se confrontato al secondo trimestre dell’anno precedente (2016). A Rilevarlo lo studio dell’Istat sul secondo trimestre del 2017, che ha avuto tre giorni lavorativi in meno dei tre mesi precedenti e due giornate lavorative in meno in riferimento al secondo trimestre del 2016.

La variazione congiunturale Istat, spiega l’Istituto previdenziale, è la sintesi di un incremento del valore aggiunto nei settori dell’industria e dei servizi e di una riduzione nel settore dell’agricoltura. Dal lato della domanda, si registra un apporto positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un circoscritto contributo negativo della componente estera netta. Nello stesso periodo, ricorda l’istituto di statistica, il Pil è aumentato in termini congiunturali dello 0,6% negli Stati Uniti, dello 0,5% in Francia e dello 0,3% nel Regno Unito. In termini tendenziali, si è registrato un aumento di 2,1 punti percentuali negli Stati Uniti, dell’1,8% in Francia e dell’1,7% nel Regno Unito.

Prendendo in considerazione il periodo prima della crisi, nel 2008, il livello del Pil italiano raggiunto nel secondo trimestre del 2017 resta più basso di oltre il 6%. Nel primo trimestre del 2008, infatti, il prodotto interno lordo trimestrale si era spinto al massimo dell’espansione a 424.824 milioni di euro e le ultime stime preliminari lo indicano a 397.458 nel secondo trimestre 2017.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Cellulari aziendali: secondo l’Agenzia delle Entrate i rimborsi vanno tassati

All’ interpello di un gruppo bancario sul rimborso delle spese per i telefoni cellulari aziendali, l’Agenzia delle Entrate ha risposto con la risoluzione n°74/E dichiarando che i rimborsi delle spese

SPOSTAMENTI LAVORATORI

Gli spostamenti effettuati dai lavoratori senza luogo di lavoro fisso o abituale tra il loro domicilio e il primo o l’ultimo cliente della giornata costituiscono orario di lavoro. Ed escludere

CAMPANIA: UNIONCAMERE SU RIPRESA

“La ripresa in Campania c’è ma è meno dinamica rispetto alle altre regioni italiane”. Lo ha detto Andrea Prete, presidente di Unioncamere Campania, intervenendo ai lavori della XIV Giornata dell’Economia

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento