Confimprenditori: necessario taglio Irpef e non politiche di bonus

Confimprenditori: necessario taglio Irpef e non politiche di bonus


In una nota il presidente di Confimprenditori Stefano Ruvolo dichiara: “La ripresa c’è ma è solo congiunturale: lo dimostra il fatto che la ripresa non genera un significativo aumento dell’occupazione”. Sempre nella nota il presidente ribadisce: “Di fronte a questo dato la politica della prossima legge di bilancio consisterebbe nella prosecuzione dei bonus sotto forma di decontribuzione al 50% per il primo triennio di assunzione dei giovani sotto i 29 anni. Un modo nemmeno troppo originale – scrive ancora – per prendere tempo e rimandare il problema alla prossima legislatura. Tra tre anni, ma anche meno, ci ritroveremo infatti nella situazione attuale dove, finito il doping degli incentivi garantiti dal Jobs act, la disoccupazione è tornata a crescere”.

“La realtà è che l’occupazione non si genera né si stabilizza con le politiche di incentivi– il taglio del costo del lavoro dovrebbe essere semmai strutturale – e che queste ultime agevolano pochissimo le piccole e medie imprese che auspicano piuttosto politiche di spinta per la ripresa economica. A partire dal taglio dell’Irpef – consiglia Ruvolo – magari finanziato con una spending review seria e radicale. Questo anche considerando che con la fine nel 2018 del Quantitative Easing e del bengodi dell’acquisto di titoli del debito con tassi di interesse a zero il debito pubblico è destinato ad aggravarsi. Non sono le pensioni o i dipendenti pubblici le priorità del paese, ma la ripresa economica, l’occupazione e il rilancio”, conclude il presidente di Confimprenditori.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

IMPEGNO PER IL LAVORO

Nei paesi del G20 il tasso di disoccupazione dei giovani che rischiano di rimanere permanentemente fuori dal mercato del lavoro deve essere tagliato da qui ai prossimi 10 anni del

In diminuzione le ore di cassa integrazione, meno un milione rispetto al gennaio 2017

Buone nuove arrivano dall’Istituto previdenziale sulle ore di cassa integrazione ordinarie per gennaio 2018, infatti continuano a scendere quelle complessivamente autorizzate: in questo primo mese del 2018 sono state circa

BOBBA: DATI SERVIZIO CIVILE

“I dati del Servizio civile nazionale sono eloquenti in termini di partecipazione dei volontari: dal 2001 al 2013, quasi 300.000 giovani sono stati avviati, nel 2015 il dato è raddoppiato

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento