Confimprenditori: necessario taglio Irpef e non politiche di bonus

Confimprenditori: necessario taglio Irpef e non politiche di bonus
image_pdfimage_print


In una nota il presidente di Confimprenditori Stefano Ruvolo dichiara: “La ripresa c’è ma è solo congiunturale: lo dimostra il fatto che la ripresa non genera un significativo aumento dell’occupazione”. Sempre nella nota il presidente ribadisce: “Di fronte a questo dato la politica della prossima legge di bilancio consisterebbe nella prosecuzione dei bonus sotto forma di decontribuzione al 50% per il primo triennio di assunzione dei giovani sotto i 29 anni. Un modo nemmeno troppo originale – scrive ancora – per prendere tempo e rimandare il problema alla prossima legislatura. Tra tre anni, ma anche meno, ci ritroveremo infatti nella situazione attuale dove, finito il doping degli incentivi garantiti dal Jobs act, la disoccupazione è tornata a crescere”.

“La realtà è che l’occupazione non si genera né si stabilizza con le politiche di incentivi– il taglio del costo del lavoro dovrebbe essere semmai strutturale – e che queste ultime agevolano pochissimo le piccole e medie imprese che auspicano piuttosto politiche di spinta per la ripresa economica. A partire dal taglio dell’Irpef – consiglia Ruvolo – magari finanziato con una spending review seria e radicale. Questo anche considerando che con la fine nel 2018 del Quantitative Easing e del bengodi dell’acquisto di titoli del debito con tassi di interesse a zero il debito pubblico è destinato ad aggravarsi. Non sono le pensioni o i dipendenti pubblici le priorità del paese, ma la ripresa economica, l’occupazione e il rilancio”, conclude il presidente di Confimprenditori.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Pil: trend positivo nel secondo trimestre +0,4%, crescita dell’1,5% su base annua

Nel periodo Aprile-Giugno del 2017 il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con riferimento all’anno 2010,  corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, ha subito un aumento

DEDURRE COSTI COLF

Per far ripartire i consumi c’è bisogno di un intervento strutturale a favore delle famiglie, a prescindere dal loro status sociale. Assindatcolf chiede al Governo un provvedimento che consenta di

CAMUSSO: RIDURRE TASSE SU LAVORO, NO IMU

Ridurre le tasse sulla casa non è una cosa urgente, come, invece, lo è ridurre le tasse sul lavoro. “Preferiremmo che nella legge di Stabilità fosse, piuttosto, inserita la flessibilità

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento