Lavoro, Poletti: “una norma anti-licenziamento nel bonus giovani”

Lavoro, Poletti: “una norma anti-licenziamento nel bonus giovani”
image_pdfimage_print

Bonus fiscale per tutte le aziende che assumono giovani con un contratto a tempo indeterminato a patto, però, che ci sia una clausola anti-licenziamento. Questa è la proposta del ministro del Lavoro Giuliano Poletti, che parla a margine del Meeting di Rimini, da inserire nella prossima Legge di Bilancio. Una decontribuzione del 50% per i primi due o tre anni di contratto con la suddetta clausola che ci sarà con certezza perché: “dobbiamo assolutamente evitare i comportamenti furbeschi di quanti cercano di utilizzare in qualche modo la norma, magari colpendo il lavoratore che oggi ha un posto di lavoro e deve mantenerlo. Infatti l’obiettivo è di avere più occupati e non uno scambio tra chi c’è e chi arriva”.

Per quanto riguarda la fascia d’età a cui sarà rivolto il pacchetto di misure il ministro ribadisce: “Non è ancora deciso”, se il pacchetto varrà solo sotto i 29 anni. “Ma è un tema che dobbiamo vedere perché abbiamo anche una regolamentazione europea da rispettare, per evitare discriminazioni a livello di età. Lo schema di funzionamento dobbiamo ancora definirlo, ma quello che stiamo pensando è un lavoro sulla decontribuzione per i più giovani in modo tale che ci sia la possibilità di avere un lavoro a tempo indeterminato e che questo contratto costi meno del lavoro temporaneo”.

L’obiettivo del governo è di stimolare 300 mila assunzioni in più di giovani, grazie alla nuova versione della decontribuzione. “Puntiamo al massimo che saremo in grado di fare, 300 mila è una ragionevole previsione, anche grazie alla mobilità del mercato del lavoro”, risponde il ministro Poletti. “Ogni anno circa un milione di persone entrano e escono dal mondo del lavoro”.

Una stima dei costi per le casse dello Stato si può fare nell’ordine dei 2 miliardi a regime, ma per il Ministro Poletti tutto: “Dipende dalla possibilità di utilizzare il bonus su una platea più o meno larga: per garanzia giovani dall’Unione Europea abbiamo ottenuto l’innalzamento dell’età da 25 a 29 anni perchè la regolazione europea prevedeva fino a 25 anni e noi abbiamo ottenuto di innalzarla fino a 29 anni”, spiega il ministro. “Ma sappiamo che per ottenere una regolazione diversa c’è una trattativa da fare ed è ciò che stiamo facendo”. D’altro canto, “fare un passo importante sull’occupazione giovanile è l’obiettivo più importante per il nostro Paese”.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

PIU’ ALTI REDDITI DIPENDENTI

Una famiglia su due in Italia percepiva un reddito netto non superiore a 2.026 euro a fine 2013. L’Istat rileva un reddito medio di 24.310 euro l’anno, più alto al

OCCUPAZIONE NEL FOOD

Nel 2016 l’Italia sarà il primo Paese europeo dove 100 Montaditos investirà, creando oltre 30 nuovi ristoranti su tutto il territorio nazionale, che daranno lavoro ad altre 300 persone. L’obiettivo

OFFICINA NUOVI LAVORI

Digital manufacturing, innovazione d’impresa, gaming e realtà immersiva: sono i quattro ambienti didattici del programma formativo di Officina dei Nuovi Lavori avviato da Google e Fondazione Mondo Digitale, al quale

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento