INL : Prestazioni occasionali, quantificazione delle sanzioni

image_pdfimage_print

ispettorato-nazionale-lavoroL’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha emanato la nota n. 7427 del 21 agosto 2017, con la quale fornisce alcuni chiarimenti, al proprio personale ispettivo, in merito alla disciplina sanzionatoria in caso di violazione dell’obbligo di comunicazione ovvero di uno dei divieti di cui al comma 14 dell’art. 54-bis, comma 20, del Decreto Legge n. 50/ 2017, relativamente alle nuove Prestazioni Occasionali.

In particolare, il parametro di quantificazione dell’importo sanzionatorio è rappresentato dal numero delle giornate in cui si è fatto ricorso al lavoro occasionale, indipendentemente dal numero dei lavoratori impiegati nella singola giornata (ad es. violazione dell’obbligo di comunicazione di 3 lavoratori il primo giorno, 1 lavoratore il secondo giorno e 2 lavoratori il terzo giorno; in tal caso la sanzione amministrativa sarà di euro 833, 33 x 3 (giorni): tot. 2499,99).

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento lavoratrice madre in caso di chiusura dell’azienda [Cassazione]

Con sentenza n. 14515 del 6 giugno 2018, la Corte di Cassazione ha ribadito che la lavoratrice madre può essere licenziata, anche prima del compimento dell’anno di vita del bambino, in caso “di cessazione

Licenziamento al termine del periodo di prova [Cassazione]

Con ordinanza n. 18268 dell’11 luglio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità di un licenziamento adottato al termine del periodo di prova, nonostante che il lavoratore interessato avesse prestato

Ispettori del lavoro: cosa cambia nelle verifiche sugli istituti di patronato [Consiglio di Stato]

Con sentenza n. 2798, depositata il 23 giugno 2016, il Consiglio di Stato, decidendo su un ricorso presentato dall’INCA CGIL e da ITAL  UIL relativamente al divieto di accesso alle banche previdenziali

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento